Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


10 aprile 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Deposito non autorizzato di inerti, carabinieri forestali fanno scattare sequestro e denuncia

La comandante Altea: "Il materiale vale 250mila euro"

(foto carabinieri forestali)Un deposito non autorizzato di rifiuti interti. Lo hanno scoperto a Casalbordino i carabinieri forestali di Vasto, che "hanno proceduto al sequestro di un'area, di circa due ettari, in cui veniva esercitata attività di raccolta e trattamento di rifiuti inerti in assenza della prescritta autorizzazione", si legge in una nota della comandante, tenente colonnello Tiziana Altea.

Sul posto sono intervenuti i militari del Nucleo investigativo di polizia ambientale agroalimentare e forestale. "In attesa dell’ultimazione dei lavori relativi al progetto presentato alla Regione Abruzzo, l’area era adibita allo stoccaggio ed al trattamento di ingenti quantitativi di rifiuti a ridosso di una ex cava, in assenza del prescritto titolo abilitativo. Il valore dei beni sottoposti al vincolo reale può essere stimato in circa 250mila euro", spiega l'ufficiale.

"All’indagato, titolare di un’impresa edile, è stato contestato l’articolo 256 comma 1 del Codice dell’ambiente, che prevede la pena dell'arresto da tre mesi a un anno o l'ammenda da duemilaseicento euro a ventiseimila euro per chiunque effettua una attività di raccolta, trasporto, recupero, smaltimento, commercio ed intermediazione di rifiuti in mancanza della prescritta autorizzazione. È in corso una campagna di controllo da parte del Nucleo investigativo sulla corretta gestione dei rifiuti inerti, con particolare attenzione ai siti ricadenti all’interno di ex cave ed a ridosso delle aste fluviali".

 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi