Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


18 aprile 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 06/04

"Nel carcere di Torre Sinello poliziotto aggredito da un internato"

Notarangelo (Sappe): "Carenza di personale e pessime condizioni lavorative"

Vasto. Il carcere di Torre SinelloUn poliziotto è stato aggredito nel lunedì di Pasqua nel carcere di Vasto. Lo riferisce il Sappe, sindacato autonomo di polizia penitenziaria. 

Il fatto è accaduto attorno alle 18.30 nel reparto Covid della casa lavoro con annessa sezione circondariale di Torre Sinello.

Un internato, "dopo aver avuto il permesso di chiamare telefonicamente il proprio difensore di fiducia", non avendo avuto risposta alla telefonata, ha deciso "di scagliare tutta la sua rabbia nei confronti del collega di servizio, asistente capo coordinatore, con molti anni di servizio, ligio al dovere e sempre presente in servizio e prossimo alla meritata pensione; nella colluttazione il collega riportava ben sette giorni di prognosi, nel contempo l’internato portava a termine tutta la sua frustrazione mettendo a soqquadro l’ufficio box agenti", scrive il segretario locale del Sappe, Giovanni Notarangelo.

"Come ben noto e come previsto dall’articolo 216 del codice penale, i soggetti che vengono ospitati nelle case di lavoro o colonie agricole sono persone ritenute socialmente pericolose che devono scontare la misura di sicurezza e nel contempo sono obbligati a prestare attività lavorativa; purtroppo nella casa lavoro di Vasto tutto ciò non accade, anzi sono tanti gli internati che oziano e passano il tempo in branda, con l’aggravante che tra di essi ci sono molti soggetti affetti da problemi psichiatrici che ovviamente non dovrebbero essere ospitati negli istituti di pena ma bensì in strutture idonee con personale medico ed infermieristico specializzato. Questo ennesimo episodio non fa altro che aggravare le pessime condizione lavorative presso la casa lavoro di Vasto, vista anche e soprattutto la forte carenza di personale di polizia penitenziaria. Nell’esprimere la massima solidarietà al collega - conclude Notarangelo - si chiede alle autorità competenti di prendere in considerazione le problematiche irrisolte".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi