CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


5 agosto 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

"Acqua a singhiozzo, qui in corso Mazzini due chiusure in tre giorni. Senza preavviso"

La protesta dei residenti: "Presenteremo un esposto alla Procura"

Vasto. Un tratto di corso MazziniPer due degli ultimi tre giorni, rubinetti a secco in corso Mazzini, ma nessuno ha avvisato gli abitanti della zona. Una residente della strada urbana più trafficata di Vasto, A.D.F., protesta: "Se non avessi sempre una scorta in casa, non potrei neanche cucinare".

Il problema era stato in parte annunciato dal Comune di Vasto, che aveva diffuso, tramite social network e messaggistica istantanea, una "scheda chiusure" della Sasi, la società che gestisce il servizio idrico integrato (acqua, fogne e depurazione) in 87 dei 104 comuni della provincia di Chieti. "Al fine di evitare disservizi, si rende necessario effetturare le chiusure programmate", avvertiva la breve nota del municipio, "fino a venerdì 09.04.2021, salvo diversa disposizione della Sasi". Nello schema elaborato dalla società non si faceva riferimento a corso Mazzini: per Vasto, infatti, si comunicava la chiusura, dalle 19 del 31 marzo fino alle 5 del mattino successivo, in via Madonna dell'Asilo, via Zanella, viale D'Annunzio, località Incoronata e dalle 19 alle 6 al quartiere San Paolo. 

"Ormai questa è una strada dimenticata", commenta con amarezza la residente dopo che il problema si è ripetuto ieri, ma "neanche stavolta siamo stati avvisati. E non basta farlo via social network, perché ci sono persone che non li usano. Bisognerebbe tornare a far girare un'auto dotata di altoparlante in modo da avvisare i cittadini. Qui ci stiamo stancando. Tra poco faremo un esposto alla Procura".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi