Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


10 aprile 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Si rifiutò di chiudere le scuole, assolto l’ex sindaco Venosini: "Ho sempre agito con trasparenza"

Si chiude una vicenda iniziata nel 2015 per l’ex sindaco di Celenza sul Trigno

È stato assolto con formula piena, "perchè il fatto non sussiste", Andrea Venosini, ex sindaco di Celenza sul Trigno, per una vicenda che risale al 2015. Venosini, all'epoca in carica come primo cittadino, non aveva sottoscritto le ordinanze di chiusura degli edifici scolastici Scuola Statale dell’Infanzia in via Garibaldi e Scuola Media Elementare in via Carriera, "trasmesse dal Responsabile dell’Ufficio Tecnico in quanto, secondo lo scrivente, non rispettavano i coefficienti di sicurezza sismica previsti dal Servizio Previsioni e Prevenzione dei Rischi della Regione Abruzzo", si legge in una nota.

Le proposte di chiusura degli edifici scolastici non erano state firmate dall'ex sindaco "in quanto le verifiche di vulnerabilità degli stabili effettuate nel 2014 da un tecnico incaricato rilevano come le scuole erano state realizzate secondo i canoni più rigorosi di quelli imposti dalla normativa dell'epoca, si presentavano in buone condizioni, senza lesioni o segni di schiacciamento e quindi non si ravvedeva la necessità di chiusura. Inoltre, a seguito degli accertamenti e relazione del tecnico, che si sarebbero ripetute periodicamente, l'amministrazione a guida Venosini si adopererà per ottenere precisi finanziamenti regionali al fine di realizzare i progetti esecutivi delle relative ristrutturazioni delle due scuole".

La sentenza di assoluzione, "richiamando il D.M 14 gennaio 2008 (Nuove norme Tecniche per le Costruzioni) e la relativa circolare esplicativa del Ministero delle Infrastrutture n. 617 chiarisce ed evidenzia come ‘saranno i proprietari o i gestori delle singole opere, siano essi enti pubblici o privati o singoli cittadini, a definire il provvedimento più idoneo, eventualmente individuando uno o più livelli di azioni, commisurati alla vita nominale restante e alla classe d'uso, rispetto ai quali si rende necessario effettuare l'intervento di intervento della sicurezza entro un tempo prestabilito".

Venosini ha ricordato che "all'epoca dei fatti siamo riusciti a trovare la copertura economica per i lavori per € 400.000,00 e progettato ed avviato ulteriori interventi sugli edifici scolastici a valere sulla programmazione regionale 2016 per € 331.000 ed inseriti nel Piano Triennale delle Opere Pubbliche del Comune di Celenza sul Trigno. Infatti, anche il commissario prefettizio Conti, insediatosi nel gennaio 2016, non firmò mai le ordinanze di chiusura in quanto riteneva che non fosse necessario grazie al conseguimento dei finanziamenti regionali per avviare i lavori.

La mia azione amministrativa – sottolinea l’ex sindaco – è sempre stata animata da una parte in un'ottica di erogazione dei servizi al cittadino delle comunità e dall'altra nel gestire e pianificare gli interventi necessari ed utili a migliorare le opere pubbliche di proprietà del Comune di Celenza sul Trigno. Ero fiducioso e questa sentenza ristabilisce una verità dei fatti e la buona fede delle decisioni assunte quando ero sindaco. Ringrazio – conclude Venosini – tutti i cittadini che mi sono stati vicini e che hanno sostenuto il mio operato e vissuto con me questa vicenda e l'avvocato Alessandra Cappa che con professionalità è riuscita a ristabilire la verità dei fatti e la legalità delle azioni amministrative fatte dal sottoscritto sempre ed esclusivamente per il bene dei celenzani".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi