CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


10 aprile 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 06/03

Internato si toglie la vita nel carcere di Vasto. Notarangelo (Sappe): "Personale allo stremo"

Il segretario del sindacato: "Mancano personale e progetti di lavoro per i reclusi"

Vasto. Il carcere di Torre SinelloUn detenuto si è tolto la vita nel carcere di Vasto. A comunicarlo è il Sappe, sindacato degli agenti di polizia penitenziaria, "prendendo fortemente le distanze dall'operato della direzione vastese, dal provveditore regionale e dal Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria della casa lavoro con annessa sezione circondariale".

"Questa organizzazione sindacale - afferma in una nota Giovanni Notarangelo, segretario locale del Sappe - non è più disposta a totterale le mancanze da parte delle istituzioni sia a livello locale che nazionale, il personale di polizia penitenziaria è allo stremo delle proprie forze, il turno notturno, quando va bene, è assicurato da cinque agenti compresa la sorveglianza generale, mancano progetti affinché gli internati (per la maggior parte soggetti psichiatrici, socialmente pericolosi ma che nel contempo vivono un senso di frustrazione e abbandono) siano impegnati a livello lavorativo". Di conseguenza, i reclusi trascorrono le giornate "oziando per la maggior parte del tempo in cella".

Secondo il sindacato, "è inaccettabile che poliziotti con oltre trent'anni di servizio e prossimi alla pensione debbano andare incontro ad eventuali procedimenti penali quando le responsabilità sono da ricercare in un sistema penitenziario che non funziona, che fa acqua da tutte le parti, che decreta - sostiene Notarangelo - il fallimento dello Stato italiano".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi