CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


15 giugno 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Politica 18/02

Di Michele Marisi (FdI) contro la Regione di centrodestra: "Follia chiudere tutto"

Il caso - La zona rossa crea fibrillazioni politiche nel partito di Marsilio

Marco di Michele Marisi (FdI)

"Chiudere tutto è una follia". Non usa mezzi termini Marco di Michele Marisi per bocciare l'ordinanza del presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio.

La presa di posizione fa rumore nel centrodestra vastese, già alle prese con le fibrillazioni legate alla scelta del candidato sindaco. Fa discutere perché è una bordata che proviene da un esponente di Fratelli d'Italia, lo stesso partito di Marsilio.

"Quinto giorno di zona rossa a Vasto, così come in tutte le province di Chieti e Pescara. Seppur il Governo ci collocava in zona arancione, la Regione ha deciso arbitrariamente di usare il pennarello rosso per queste due province sottraendone, questa volta, altre alla triste sorte", scrive sui suoi profili social Marco di Michele Marisi, che a luglio del 2020 ha lasciato l'incarico di segretario cittadino del partito di Giorgia Meloni per dare la sua disponibilità a candidarsi sindaco.

"Il sistema di valutazione sinceramente mi sfugge. Perché si fanno screening di massa, per individuare i positivi ed isolare i casi e poi comunque si chiude tutto? A cosa serve profondere impegno, risorse, volontari, per fare gli screening? Ad un anno dall’inizio dell’emergenza, l’unica risposta non può essere ancora far abbassare le serrande a imprese, negozi, ristoranti e bar. Tutto ciò - conclude con una frecciata - non è fare politica e lavarsene le mani facendo chiudere tutto, è una risposta inadeguata che sta stancando".

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi