Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


14 maggio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

San Salvo   Ambiente 17/02

Tempio crematorio, lanciata anche una petizione on line per chiederne lo spostamento

Continua a far discutere il progetto dell’amministrazione Magnacca

La zona scelta per il tempio crematorioUna petizione on line contro la localizzazione del tempio crematorio di San Salvo. A lanciarla è il Comitato Civico Ambientalista locale che già nei giorni scorsi aveva espresso preoccupazione per il luogo scelto per l'impianto [LEGGI], "a circa 700 metri dal centro storico, a pochissima distanza da una scuola frequentata da bambini della Primaria e dell'infanzia, da un supermercato e dalle abitazioni".

Il comitato, inoltre, esprime preoccupazione nel caso si verificassero problemi al tempio: "cosa accadrebbe in caso di guasti, che non sono così rari, con eventuali fumate nere in piena stagione estiva? Rovineremmo l'immagine della cittadina che da anni vanta la bandiera blu d'Europa (titolo che si assegna anche in base alla gestione ambientale)". "Non siamo contrari alla cremazione, chiediamo che venga localizzato in un sito lontano dall'abitato".

Per firmare la petizione è sufficiente cliccare sul seguente link: http://chng.it/VVBxsJRJyM.

La raccolta firme on line non è l'unica iniziativa intrapresa contro la scelta di realizzare il tempio crematorio sulla circonvallazione e il fronte del "no in quel luogo" appare frastagliato. Lo scorso fine settimana, è stata lanciata infatti la proposta di un referendum che, a differenza di una petizione, vincolerebbe il Comune [LEGGI]. In questo caso i promotori hanno creato una pagina Facebook per gli aggiornamenti sull'iter: Il forno crematorio sì ma altrove.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 


Chiudi
Chiudi