Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


13 maggio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cultura 12/02

Dentro il Palazzo Ciccarone, lo scrigno di storia in cui da trent’anni non entra nessuno

Gli eredi vogliono donarlo al Comune. D’Adamo: "Archivio di Stato e museo del gusto"

Vasto, Palazzo Ciccarone: la cartina dipinta sul soffitto della stanza della geografiaA un certo punto alzando la testa si vede, dipinta sul soffitto, una cartina rovesciata dell'Italia. "Questa è la stanza della geografia. Si prendeva uno specchio in modo da poter guardare lo Stivale dal verso giusto", spiega l'architetto Francescopaolo D'Adamo mentre porta Zonalocale dove da trent'anni non entra nessuno.

Tra le viuzze della Vasto antica, in corso Plebiscito, c'è uno scrigno di storia e di cultura: il maestoso Palazzo Ciccarone, dove il tempo si è fermato.

La storia - Questa fu la casa di Francesco Paolo Ciccarone, che la acquistò nel 1823 dalla famiglia de Nardis. E fu l'abitazione degli eredi, tra cui il figlio Silvio, che contribuì all'Unità d'Italia, e il nipote, Francesco Ciccarone, deputato del Regno d'Italia dal 1904 al 1919.

Tuttora, nell'archivio online della Camera, rimangono molte trascrizioni dei suoi interventi nell'Aula di Montecitorio, come quello dell'8 giugno del 1905, quando chiese la costruzione "di quel faro della Punta della Penna, che dal 1881, dalla bellezza cioè di vent'anni, si trascina in lungaggini amministrative di ogni sorta".

Francescopaolo D'Adamo nella biblioteca di Palazzo Ciccarone"Dalla fine del Settecento - riassume D'Adamo - i Ciccarone parteciparono alla vita politica e negli archivi di questa famiglia è racchiusa la storia cittadina, e non solo, degli ultimi due secoli".

L'idea - Questo straordinario palazzo è disabitato dalla fine degli anni Ottanta. Gli eredi lo hanno offerto in donazione al Comune; il primo contatto negli anni Novanta con l'amministrazione Tagliente, poi altre proposte verbali a partire dal 2003. 

I segni del tempo si vedono, causati soprattutto dalle infiltrazioni dal tetto. L'acqua piovana ha fatto danno, ma il pregio storico rimane grande. Palazzo Ciccarone va restaurato. Il problema principale, però, è trovare i finanziamenti necessari ed è probabilmente questo ad aver frenato l'acquisizione dell'edificio al patrimonio comunale.

La stanza rossa di Palazzo Ciccarone"In base a un computo metrico in mio possesso - dice D'Adamo - per metterlo a posto servono 800mila euro. Oltre a recuperare la biblioteca, si potrebbero realizzare due progetti: usare una parte del palazzo come sezione dell'Archivio di Stato e nell'altra fare il museo del gusto in cui custodire testi e manoscritti delle storiche ricette vastesi, consultabili previa prenotazione, così da non perdere i sapori della nostra tradizione. Esistono già altri musei simili. In questo modo il palazzo può diventare un luogo interessante per i turisti e produrre reddito per il Comune".

La biblioteca - Palazzo Ciccarone è anche una fonte di conoscenza. Due stanze sono dedicate alla biblioteca. Nei giorni in cui apre il nuovo Polo bibliotecario Mattioli, riemerge dal passato quest'altro luogo di cultura. Da salvare.

La stanza rossa - "Qui, tra il '44 e il '45, alloggiarono gli ufficiali inglesi", racconta D'Adamo, che indica il pavimento: "A un militare partì accidentalmente una raffica di mitra, che lasciò questi segni. Nessuno rimase ferito". Quei divani rossi hanno una storia da raccontare. 

Guarda le foto

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Chiudi
Chiudi