CHIUDI [X]
 
Vasto   Cronaca 04/02

Tumini: "Arap e Patto Trigno-Sinello fondamentali per uscire dalla crisi con i finanziamenti Ue"

Le scelte - Dieci anni dopo la soppressione dei consorzi industriali

Gabriele TuminiDi cosa parliamo - Ammonta a 47 milioni di euro il passivo dell'Arap, l'azienda regionale per le attività produttive, che ha sostituito i consorzi industriali ereditandone i debiti. Il Coasiv, consorzio per l'area di sviluppo industriale del Vastese, aveva i conti in ordine e in attivo. A dieci anni dalla legge istitutiva dell'Arap, Zonalocale ha chiesto alla politica [LEGGI] e al mondo produttivo di tirare le somme: è stato giusto o sbagliato sopprimere i consorzi e creare l'agenzia unica? Oggi risponde Gabriele Tumini, che all'epoca era presidente di AssoVasto, l'associazione delle imprese del Vastese. 

VASTO - "All'Arap dobbiamo guardare con un atteggiamento positivo, perché è fondamentale per le prospettive del territorio". Gabriele Tumini rivolge un invito all'unità: il mondo produttivo e quello politico devono puntare su Arap e Patto territoriale Trigno-Sinello per rilanciare l'economia del Vastese.

Mentre la politica dibatte a dieci anni all'istituzione dell'Azienda regionale per le attività produttive, l'ex presidente di AssoVasto ricorda che "quando si è discussa la legge istitutiva dell'Arap, noi di AssoVasto esprimemmo le nostre perplessità sulla soppressione del Coasiv e avanzammo delle proposte che, però, non furono recepite".

Tumini, che ha guidato per sei anni l'associazione degli imprenditori del Vastese, lancia un monito: "Non possiamo paragonare l'ex consorzio industriale, che era un organismo locale, all'Arap, che è regionale e partecipa al Patto Trigno-Sinello. Sono due enti fondamentali per i quali passa il futuro delle nostre imprese. Arap e Patto territoriale possono attingere a risorse europee strategiche per il miglioramento delle strutture produttive del nostro territorio". 

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       
       
       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi