CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


6 marzo 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Ambiente 29/01

Vecchie stazioni sulla Via verde, il Gruppo Fs le vende tutte insieme. Prezzo: dai 2 ai 3 milioni

Vertice in Regione: delegazione unica per trattare l’acquisto. Comuni chiedono fondi

Pescara: l'incontro tra i sindaci, Pupillo e MarsilioDai due ai tre milioni, tutto compreso. Prezzo unico per stazioni abbandonate e piccoli manufatti vicini alla vecchia ferrovia che, a fatica, i lavori in corso dal 14 dicembre 2017 stanno trasformando in una pista ciclopedonale lunga 42 chilometri: la Via verde della Costa dei trabocchi.

Il Gruppo Ferrovie dello Stato vende l'intero pacchetto, non le singole strutture. E vuole trattare con un interlocutore unico, che rappresenti i Comuni, la Provincia di Chieti e la Regione Abruzzo. Questo è emerso durante il vertice di oggi pomeriggio nella sede di Pescara degli uffici regionali.

Sono stati i sindaci di Vasto, Casalbordino, Torino di Sangro, Fossacesia, Rocca San Giovanni, San Vito Chietino e Ortona a chiedere l'incontro. Attorno al tavolo delle riunioni si sono confrontati con il presidente dell'Abruzzo, Marco Marsilio, alla presenza di Mario Pupillo, presidente della Provincia di Chieti.

"Abbiamo chiesto l'intervento della Regione per risolvere finalmente questo problema", racconta il sindaco di Vasto, Francesco Menna. "Le Ferrovie vendono tutti i relitti, su cui la Provincia ha un diritto di prelazione, perciò tratterà con Fs insieme ai sindaci. Alla Regione abbiamo chiesto un contributo. Io e il sindaco di Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio, proporremo un ulteriore incontro prima di andare a sederci al tavolo con le Ferrovie". 

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       
       

      Chiudi
      Chiudi