Capodogli, Taglioli: "Ben vengano i 70 mila euro, ma il museo all’aperto sarebbe esposto ai vandali" - Il coordinatore del Gruppo fratino: "Incomprensibili le polemiche di Smargiassi"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


18 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Politica 14/01

Capodogli, Taglioli: "Ben vengano i 70 mila euro, ma il museo all’aperto sarebbe esposto ai vandali"

Il coordinatore del Gruppo fratino: "Incomprensibili le polemiche di Smargiassi"

Vasto: il salvataggio dei capodogli spiaggiati davanti al litorale di Punta Penna, nella Riserva di Punta AderciBen venga il finanziamento per il museo dei capodogli spiaggiati a Vasto nel 2014, ma non all'aperto, perché gli scheletri finirebbero nel mirino dei vandali

È la posizione di Stefano Taglioli, coordinatore del Gruppo fratino Vasto, che replica a Pietro Smargiassi, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle: "Non riusciamo a capire, sia personalmente che come movimento ambientalista, l'oggetto della polemica del consigliere regionale Smargiassi relativamente al finanziamento di 70 mila euro che lo stesso consigliere ha fatto meritoriamente avere per il recupero degli scheletri dei capodogli spiaggiati a Punta Penna il 12 settembre del 2014 (sette capodogli di cui, come noto, quattro salvati e tre purtroppo deceduti)", scrive Taglioli in un comunicato. 

Stefano Taglioli (Gruppo fratino)Da sempre siamo attivi per fare sì che la nostra città si doti di un museo di scienze naturali o museo di biologia marina da allocare dentro la Riserva di Punta Aderci, nei pressi o in un altro luogo come, per esempio, il locale della ex stazione ferroviaria a Vasto Marina lungo la Via verde. Siamo così lieti di questo fondo di 70 mila euro, che oggi stesso ho personalmente contattato chi di dovere per collaborare al migliore utilizzo possibile di quella somma. La nostra contrarietà, se così si può chiamare senza essere affidati senza motivo per quelli che dicono sempre 'no', è relativa soltando all'ipotesi di un museo open air. Che non è proponibile per i rischi di vandalismo, per gli alti costi della manutenzione e perché il museo all'aperto non porterebbe reddito alcuno al territorio tramite delle necessarie visite a pagamento. Quindi non comprendiamo assolutamente questa polemica inutile e pretestuosa. Nessuno si è mai sognato di contestare questi 70 mila euro che, anzi, sono i benvenuti. Come potrebbe essere altrimenti? Del resto - precisa Taglioli - non si può certo realizzare un museo, ma solo recuperare, ricomporre e conservare gli scheletri. Quindi di cosa parliamo?".

"Si facciano le scelte migliori ma, ripetiamo - conclude il referente del Gruppo fratino - ci si dedichi e ci si confronti fattivamente sull'oggetto della discussione senza alzare inutili polveroni". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi