CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


12 aprile 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

"Troppi bulli e troppe vittime: basta!"

L’articolo di Benedetta, studentessa della scuola media Rossetti

È arrivato il momento di dire “Basta” al bullismo, fenomeno sempre più frequente che può causare gravi danni alle vittime. Tanti, troppi ragazzi hanno subito conseguenze molto spiacevoli senza avere colpa alcuna. Per questo, quando siete testimoni di un atto di bullismo, non esitate a denunciare il bullo: riferite tutto l’accaduto ai vostri genitori, a un insegnante e, se necessario, anche al dirigente della scuola.

Voi, maggioranza silenziosa, siete fondamentali per dire “Basta” al bullo! Non lasciate sola la vittima, ma appoggiatela, sostenetela, fatele capire che può contare su di voi: "più si è e meglio è!".

Isolate il bullo e non badate a ciò che dice. Oppure ironizzate sui suoi insulti. In questo modo non ci troverà più gusto nel tormentarvi! 

Spesso il bullo ha dei problemi ed è per questo che si comporta da “duro”, ma in realtà è una persona debole e fragile che ha bisogno di aiuto. Ricordate: ciò che il bullo vi dice non è reale! Quindi uniamoci!

Formiamo insieme un movimento anti-bullismo, come i ragazzi del “MaBasta” di Lecce (https://www.mabasta.org/). Ognuno di noi può dare il proprio contributo.

Possiamo realizzare cartelloni, video oppure creare dei siti internet che trattino l’argomento e che permettano di capire la gravità di questi eventi, purtroppo sempre meno rari.

Non vergognatevi, non esitate e dite “Basta” al bullismo una volta per tutte!    

Benedetta Marino
Scuola secondaria di primo grado G.Rossetti - Vasto

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi