Storici reperti recuperati dai carabinieri arrivano a Palazzo d’Avalos - Saranno custoditi in attesa delle indagini
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


24 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 08/01

Storici reperti recuperati dai carabinieri arrivano a Palazzo d’Avalos

Saranno custoditi in attesa delle indagini

Palazzo d’Avalos da qualche giorno ospita nuovi preziosi reperti di proprietà del nobile casato per disposizione della Procura della Repubblica del Tribunale di Napoli. Nella storica residenza sono arrivati, in giudiziale custodia alla Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio per le province di Chieti e Pescara, dieci ante di porte e vari elementi architettonici in marmo policromo rintracciati nel corso di lunghe indagini condotte dei carabinieri del comando Tutela Patrimonio Culturale.

Le opere, che saranno custodite a Vasto (non fruibili al pubblico) in attesa del corso delle indagini, accompagnate dal maggiore dei carabinieri Giampaolo Brasili e dai suoi più stretti collaboratori, sono arrivate a Palazzo d’Avalos accolte dal sindaco Francesco Menna, l’assessore alla Cultura Giuseppe Forte, la responsabile del settore Cultura dott.ssa Mimma Perrotti e Francesca Rita Ronzitti in rappresentanza della Soprintendenza di Chieti.

Gli elementi architettonici in marmo potrebbero essere parte di un altare che si presume fosse collocato nella cappellina interna di Palazzo d’Avalos. Le ante, caratterizzate da raffinati decori, presentano immagini dipinte su lamine d’oro e raffigurano scene bucoliche ricche di colori e di particolari.

"Ringrazio la magistratura partenopea e i carabinieri del comando Tutela Patrimonio Culturale – dichiara il sindaco Menna – per l’impegno profuso e auspichiamo che al termine delle indagini esperite queste importanti opere possano tornare alla fruizione pubblica".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi