Al San Pio i vaccini anti-Covid: prime dosi per il personale dei reparti a rischio - Muraglia: "Più siamo a vaccinarci e prima sconfiggeremo la pandemia"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


22 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 03/01

Al San Pio i vaccini anti-Covid: prime dosi per il personale dei reparti a rischio

Muraglia: "Più siamo a vaccinarci e prima sconfiggeremo la pandemia"

Liberatore e CaravaggioÈ inziata questa mattina, poco prima delle 10, la campagna vaccinale anti-Covid al San Pio da Pietrelcina di Vasto, identificato dalla Asl come uno dei punti di somministrazione sul territorio. Ieri erano arrivati i primi 195 flaconcini, conservati a -80 gradi nel frigorigero della farmacia ospedaliera [LEGGI].

La direzione sanitaria, guidata dal dottor Angelo Muraglia, ha predisposto gli spazi, nei locali dell'Obi, al pianterreno dell'ospedale, dove al personale sanitario sanitario sarà inoculato il vaccino con una prima dose in questi giorni e poi una seconda a 21 giorni di distanza. Diversi i medici e gli infermieri che hanno dato la loro convinta adesione per portare avanti la campagna vaccinale le cui modalità operative sono coordinate dal dottor Pasqualino Litterio.

Il primo a ricevere il vaccino questa mattina è stato Claudio Liberatore, infermiere del 118. Poi è stata la volta di medici e infermieri di 118 e pronto soccorso, della radiologia, della rianimazione e di malattie infettive. In questa prima fase, infatti, si procederà con turni di vaccinazione al mattino e al pomeriggio - una decina ogni ora - partendo dal personale che opera in reparti a più alto rischio di contagio

Tutti gli operatori passano per le fasi della registrazione, della somministrazione del vaccino e poi dell'osservazione. In tutti c'è anche una sorta di emozione nel prendere parte alla campagna. "Sono orgoglioso di aver fatto il vaccino - ci dice il dottor Gianluca Caravaggio, medico del 118 -, è stata una cosa da me fortemente voluta. La vivo con un profondo senso di responsabilità professionale verso i cittadini perchè costituisce, ad oggi, di concerto con le protezioni e il distanziamento sociale, l'arma per sconfiggere il Covid. Vuole essere anche un messaggio anche per sensibilizzare chi è ancora scettico

Il direttore sanitario Angelo Muraglia ci ha illustrato le modalità con cui verrà portata avanti la campagna vaccinale, rivolgendo poi un messaggio a tutti i cittadini: "Vaccinarsi, vaccinasi, vaccinarsi. Più siamo e più velocemente potremo debellare questa pandemia".

Guarda il video Guarda le foto

di Giuseppe Ritucci (g.ritucci@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti


Video - Muraglia: "Vaccinarsi. Più siamo, prima debelliamo la pandemia"

L'intervista al dottor Angelo Muraglia, direttore sanitario della Asl Lanciano Vasto Chieti - Servizio di Giuseppe Ritucci - Immagini e montaggio di Nicola Cinquina



 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi