Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


26 febbraio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 01/01

Suor Alessandra Smerilli: "Non c’è sviluppo senza la cultura della cura"

Il commento per la Giornata Mondiale della Pace

Si celebra oggi, 1 gennaio, la Giornata Mondiale della Pace. Suor Alessandra Smerilli, consigliera di Stato del Vaticano e docente di economia, ha indicato, per la Pontificia Università Auxilium, i temi cruciali di questa giornata presenti nel messaggio di Papa Francesco [LEGGI]. 

"Non c’è pace senza cultura della cura, ma sappiamo anche che non c’è pace senza sviluppo - dice suor Smerilli -. Quindi possiamo dire che non c’è sviluppo senza la cultura della cura". I verbi, richiamati dal Vangelo, sono "coltivare e custodire". 

Per suor Smerilli "siamo i custodi dei nostri fratelli" e così come "prendersi cura vuol dire coltivare e custodire la terra", bisogna "custodire e prenderci cura dei nostri fratelli. Le prime comunità cristiane mettevano tutto in comune perchè non ci fosse tra loro nessun bisognoso".

E oggi Papa Francesco propone la costituzione di un fondo mondiale per lo sviluppo perchè non ci sia più nessuno che abbia più fame sulla terra. E dove prendere i soldi? Ad esempio dalla spesa destinata agli armamenti, alle armi nucleari. Soprattutto dopo il Covid e tutto ciò che che sta generando come conseguenze economiche, abbiamo bisogno di solidarietà e di cura e magari meno bisogno di questo tipo di spese".

Cruciale è il passaggio educatico. "Alla cultura della cura bisogna educarsi. Parafrasando Don Bosco, che diceva che in ogni giovane c’è un punto accessibile al bene, oggi potremmo dire che in ogni giovane c’è l’attitudine a prendersi cura gli uni degli altri. Sta a noi educatori sviluppare questa attitudine e farla diventare cultura della cura". 

Guarda il video

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     

    Annunci di Lavoro

       
       
       

      Chiudi
      Chiudi