È morto Ettore Tomassi, il commissario col sorriso - Per sette anni è stato comandante della polizia penitenziaria di Torre Sinello
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


16 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 01/01

È morto Ettore Tomassi, il commissario col sorriso

Per sette anni è stato comandante della polizia penitenziaria di Torre Sinello

Ettore Tomassi (foto di Miranda Sconosciuto)Il commissario col sorriso se n'è andato. È morto Ettore Tomassi, ex comandante della polizia penitenziaria di Vasto. Aveva 58 anni. 

Si era insediato a Torre Sinello nel 2005, nel giorno della visita istituzionale dell'allora capo del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, Giovanni Tinebra, che aveva tenuto a battesimo un'iniziativa di reinserimento sociale, poi ripetuta negli anni successivi: la pulizia, affidata ai detenuti, delle spiagge della Riserva naturale di Punta Aderci.

Tomassi, che aveva iniziato la sua carriera da ausiliario a Napoli, nel penitenziario di Poggioreale, aveva assunto il comando della polizia penitenziaria di Vasto dopo il servizio prestato in diversi istituti di pena, ultimo quello di Sassari. Promosso da vice commissario a commissario, in sette anni a Vasto si era contraddistinto per correttezza nel lavoro e cordialità nel rapporto con tutti. Non negava un sorriso e un caffè a nessuno.

Poi il trasferimento a Campobasso nel 2012. Anche lì si era fatto voler bene da tutti. Da un anno era in malattia. Non ce l'ha fatta a vincere questa battaglia. 

L'insegnante Miranda Sconosciuto, che ha avuto modo di conoscerlo svolgendo la sua attività a Torre Sinello, lo ricorda sul suo profilo Facebook: "Caro comandante Ettore Tomassi, ti ricorderò così... con il sorriso e la tua grande professionalità. Eri il comandante H24, donavi caffè, zucchero e tabacco agli uomini detenuti che avevano bisogno di conforto nella loro solitudine". "Ti ricorderò così, con il sorrito e la gioia di essere uomo di Stato".

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 

Chiudi
Chiudi