Paura, solitudine, ma anche speranza: l’anno del Covid in 16 notizie - Dodici mesi con Zonalocale
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


17 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 31/12/2020

Paura, solitudine, ma anche speranza: l’anno del Covid in 16 notizie

Dodici mesi con Zonalocale

Vasto, ospedale San Pio da Pietrelcina: forze dell'ordine schierate sulle note dell'Inno di Mameli per rendere omaggio ai sanitari, in prima linea nella lotta al Covid-19Un anno durissimo. Difficile riassume in poche righe paure, solitudine, speranza. Proviamo a ripercorrere con voi il 2020 segnato dalla pandemia. 

27 febbraio - La pandemia arriva in Abruzzo: il primo a risultare positivo al Sars-Cov-2 è un uomo di 50 anni di Brugherio, in provincia di Monza-Brianza, in vacanza a Roseto degli Abruzzi con la sua famiglia. Nei giorni successivi il contagio colpisce anche i suoi familiari. Guariscono tutti.

4 marzo - Viene reso noto il primo contagio a Vasto. Il sindaco, Francesco Menna, chiude le scuole. A distanza di qualche ora, arriva lo stesso provvedimento su tutto il territorio nazionale: è il primo di una serie di decreti del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. Due giorni dopo, il primo malato di Covid-19 a Lanciano. È il nono caso in Abruzzo. 

31 marzo - Toccante omaggio al personale sanitario. Forze dell'ordine schierate nel piazzale dell'ospedale San Pio da Pietrelcina di Vasto fanno il saluto militare sulle note dell'Inno di Mameli. Decine di medici e infermieri, spesso senza adeguati dispositivi di protezione, rimangono contagiati, tra marzo e aprile, negli ospedali abruzzesi. Un infermiere di 60 anni dell'ospedale di Popoli muore nel nosocomio di Pescara, dove era ricoverato dopo aver contratto una forma grave del virus.

11 aprile - Il presidente della Regione, Marco Marsilio, proroga le zone rosse istituite il 26 marzo. Non si entra e non si esce da Castilenti, Castiglione Messer Raimondo, Bisenti, Arsita, Montefino, Elice, Civitella Casanova, Farindola, Montebello di Bertona, Penne e dalla frazione Villa Caldari di Ortona.

1° maggio - Si avvicina la fine del lockdown. Marsilio firma l'ordinanza che consente la ripresa degli sport individuali nel rispetto del distanziamento sociale.

4 maggio - Finisce il lockdown in tutta Italia. In Abruzzo la curva del contagio si va progressivamente abbassando.

18 maggio - Riaprono le attività commerciali in tutto il Paese. Resta vietato spostarsi al di fuori dei confini regionali. Per l'avvio della stagione turistica, bisognerà attendere quindi altre due settimane.

3 giugno - Riapertura dei confini regionali. Le misure si allentano, nel giro di qualche settimana resteranno solo la distanza interpersonale di un metro e l'obbligo di mascherina nei luoghi chiusi in cui è consentito l'accesso al pubblico.

Luglio-agosto - Sempre meno precauzioni, sempre più assembramenti. Succede anche nelle località balneari abruzzesi. Il governo nazionale corre ai ripari: dal 17 agosto scatta l'obbligo di mascherina anche all'aperto nei luoghi in cui possono crearsi assembramenti. Ma sono tante le persone che non rispettano questa norma.

24 settembre - In 12 regioni gli studenti sono già tornati tra i banchi il 14 settembre. Nelle altre la riapertura è posticipata al 16, al 22 o al 24. In Abruzzo il primo giorno di scuola è il 24 settembre.

Ottobre - La curva del contagio inizia a risalire. Negli ospedali aumenta la pressione sui reparti Covid e su quelli di terapia intensiva.

4 novembre - Focolaio nella residenza per anziani Antoniano di Lanciano. A dicembre una cinquantina di contagiati anche all'Istituto San Francesco di Vasto Marina. 

18 novembre - Dopo aver lanciato l'allarme qualche giorno prima, Marsilio decide di anticipare l'ordinanza del ministro della Salute, Roberto Speranza. Il presidente della Regione ha deciso: Abruzzo in zona rossa. Scattano le restrizioni massime nella speranza di poterle allentare prima di Natale.

6 dicembre - È il giorno del caos. Marsilio firma l'ordinanza in cui stabilisce il passaggio dell'Abruzzo in zona arancione. I ministri Speranza e Boccia lo diffidano a revocarla immediatamente e ribadiscono che l'Abruzzo resta in zona rossa fino a quando il ministero della Salute, sentito il Comitato tecnico scientifico, non darà il via libera al cambio di colore. Marsilio tiene duro. Il governo ricorre al Tar e ottiene la sospensiva. Risultato: l'Abruzzo, dopo appena un giorno in arancione, torna in rosso, ma solo per 24 ore. Poi arriva l'ordinanza nazionale e la regione passa ufficialmente in zona arancione fino alle restrizioni natalizie.

9 dicembre - Nell'area fiera di Lanciano apre la postazione drive in per i tamponi. 

31 dicembre - Marsilio annuncia: dal 7 gennaio la regione passa in zona gialla. Ma oggi i numeri del contagio tornano a salire. In tutto, dall'inizio della pandemia, i casi in Abruzzo sono 35 mila 314.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 

Chiudi
Chiudi