Disturbo dello spettro autistico, Pennetta: "Accolto il ricorso dei genitori, cure a spese di Asrem" - "Un altro importante tassello per i diritti dei ragazzi affetti da questo disturbo"
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


17 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 31/12/2020

Disturbo dello spettro autistico, Pennetta: "Accolto il ricorso dei genitori, cure a spese di Asrem"

"Un altro importante tassello per i diritti dei ragazzi affetti da questo disturbo"

Angela Pennetta Un altro importante tassello si aggiunge al percorso per il riconoscimento dei diritti dei ragazzi affetti dallo spettro autistico. A dichiararlo l'avvocato Angela Pennetta, che spiega: "Dopo l'azzeramento della lista d'attesa in favore di 14 famiglie da parte della Asl Lanciano-Vasto-Chieti, il dottor Michele Russo, Presidente del Tribunale di Larino in funzione di Giudice del lavoro, ha accolto integralmente il ricorso avanzato in favore dei ricorrenti genitori esercenti la potestà del minore affetto da tale disturbo".

Il giudice, si legge in un comunicato, ha infatti "ordinato alla Asrem di erogare o far erogare immediatamente in favore dell'interessato un trattamento riabilitativo per i disturbi dello spettro autistico, in regime semiresidenziale o ambulatoriale, con frequenza bisettimanale per tre ore diurne, presso proprie strutture, se esistenti, ovvero presso una struttura sanitaria privata accreditata con la quale esista un contratto che preveda le sopra indicate prestazioni riabilitative; di attivarsi immediatamente presso il Commissario ad acta, qualora non disponga di proprie strutture e non esistano contratti con strutture private accreditate, al fine di promuovere la stipulazione, con struttura sanitaria privata accreditata, di un contratto che includa le sopra indicate prestazioni riabilitative; pone a carico della Asrem decorsi trenta giorni dalla comunicazione della presente ordinanza senza che sia iniziato, presso strutture della stessa o presso strutture private accreditate da lei indicate, il trattamento riabilitativo di cui al capoverso che precede, l'obbligo di anticipare il costo del trattamento da eseguire nel periodo immediatamente successivo o di rimborsarne l'importo eventualmente anticipato dai ricorrenti".

"Grande soddisfazione è stata espressa ovviamente dai genitori ricorrenti - aggiunge - che finalmente potranno garantire a loro figlio delle cure riabilitative a spese della Asrem". 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 

Chiudi
Chiudi