"Più che parlare di malattie pregresse non sarebbe meglio capire cosa ha generato i focolai?" - Davide D’Alessandro ha perso il papà ricoverato al San Francesco
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


18 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 30/12/2020

"Più che parlare di malattie pregresse non sarebbe meglio capire cosa ha generato i focolai?"

Davide D’Alessandro ha perso il papà ricoverato al San Francesco

"Finora sono stato in religioso silenzio com’è d’uopo quando ti muore un genitore, però leggere dichiarazioni sulle malattie pregresse di mio padre e di tante altre vittime del Covid nel nostro Paese, dichiarazioni che suonano parziali, giustificative, oltreché ingiuste, non è accettabile. Se qualche medico volesse, invece, precisare con dovizia di particolari, quali fossero queste cosiddette malattie pregresse, saremmo ben lieti di conoscerle".

Davide D'Alessandro lo scorso 28 dicembre ha perso il papà Antonio, ricoverato nella Rsa dell'Istituto San Francesco di Vasto Marina dove, nei giorni precedenti il Natale, si è sviluppato un focolaio di Coronavirus [LEGGI], che ha contagiato pazienti e operatori della struttura. Tre i deceduti nei giorni scorsi. 

D'Alessandro agggiunge. "Ma se anche una persona è affetto dalle maggiori patologie del mondo, chi l’ha detto che deve contrarre il Covid? Questo Covid, per le povere persone che hanno o non hanno malattie pregresse, dev’essere per forza una sorta di calamità naturale? Chi l’ha detto? Non sarebbe forse meglio interrogarsi sulle ragioni che hanno generato evidenti focolai?

Questo il mio semplice intervento - conclude il consigliere comunale vastese - in tutta serenità per onore della verità e per onore di un uomo che non può più difendersi".

 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi