Segui Zonalocale Lanciano su Facebook

 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


22 giugno 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Lanciano   Attualità 25/12/2020

"È dalla gioia delle piccole cose che possiamo riscoprire il vero senso del Natale"

L’augurio di don Angelo Giordano in questo 25 dicembre così particolare

“È un 25 dicembre diverso, sicuramente più triste, ma in tutto questo silenzio che ci circonda, possiamo provare a ritrovare il vero senso del Natale e, come ha detto Papa Francesco, mettere da parte il consumismo”. È questo il pensiero che don Angelo Giordano, giovane vicario del vescovo della Diocesi di Lanciano-Ortona Emidio Cipollone, ha voluto lasciarci in questo particolarissimo Natale.

Un Natale in cui sono tante le famiglie che non hanno potuto ricongiungersi. In cui nonni e nipoti non hanno potuto stringersi nel più caldo degli abbracci e in cui sono mancate lunghe tavolate, tombolate, giochi in famiglia e tante risate. Ma è anche un Natale in cui, più degli anni passati, abbiamo la possibilità di mettere da parte tutte quelle apparenze che, tra lucine, pacchetti e addobbi, ci hanno fatto smarrire il vero senso del Natale.

“Noi uomini, da soli, non ce la possiamo fare. Abbiamo bisogno del Salvatore. - afferma don Angelo a Zonalocale - E forse abbiamo avuto bisogno proprio di un anno come questo per riscoprire un rapporto più grande e profondo con Dio”. Ma come fare per ovviare alla mancanza dei cari e di quel clima natalizio che fa tanto “festa”? “Possiamo prolungare, metaforicamente, il tempo dell’Avvento, dell’attesa, ma anche per imparare ad aspettare quell’incontro non possiamo essere soli e anche lì, possiamo cercare il rapporto con Dio”.

Ma soprattutto dopo un anno così difficile, anche ritrovare il rapporto con Dio non può essere una passeggiata. “La preghiera in fondo è anche un grido di dolore. - dice don Angelo - E allora facciamocela una litigata col Padreterno. Una litigata per riscoprire poi un rapporto più grande e profondo”. Ed è facile quest’anno fare una similitudine con la famiglia di Nazareth, in attesa della nascita del proprio bambino, in una stalla, dopo aver trovato tutte le porte chiuse ed in completa solitudine. E forse è proprio da lì, da quella grotta che potremmo prendere esempio.

Ma non è solo l’aspetto spirituale ad essere importante. “Stiamo vivendo una tremenda crisi economica e come ha ricordato Papa Francesco nell’ultima domenica di Avvento, dobbiamo tendere la mano a chi ne ha più bisogno. - sottolinea don Angelo - E dobbiamo farlo con gesti semplici, concreti, che vadano ben oltre la pura formalità”.

E anche l’augurio di don Angelo è semplice, proprio come questo Natale. “Vi auguro di poter trovare qualcosa di bello nell’essenzialità delle piccole cose. Vi auguro di imparare a vedere nel proprio piccolo, anche umile, la bellezza. Perché è proprio lavorando sul piccolo che ci rendiamo conto che poi così piccolo non è”.

 

Buon Natale!

di Martina Luciani (m.luciani@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 
 
 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi