CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


14 aprile 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Chieti   Attualità 21/12/2020

Covid, da Alpini e Protezione Civile 130mila dispositivi di protezione per lo screening nel Chietino

Il materiale verrà distribuito a personale di Comuni e Croce Rossa e altri volontari

In provincia di Chieti ci si prepara alla campagna per lo screening di massa tramite test antigenici che partirà a gennaio contando anche sulla partecipazione volontaria dei medici di medicina generale e delle farmacie convenzionate. Il progetto è in fase di stesura e sta tenendo conto dell'evoluzione epidemiologica della pandemia nei 104 comuni della provincia.

I militari del 9° Reggimento Alpini, di stanza a L'Aquila, in collaborazione con la Protezione civile hanno consegnato questa mattina all'ospedale di Chieti un carico di dispositivi di protezione. Si tratta complessivamente di quasi 130mila unità tra visiere, guanti, mascherine ffp2 e ffp3, tute. Il materiale sarà distribuito al personale dei Comuni, della Croce rossa e altro personale volontario che parteciperà allo screening. In un secondo tempo saranno consegnati anche i tamponi antigenici rapidi.

"Voglio personalmente ringraziare il 9° Reggimento Alpini, l'Esercito italiano e la Protezione civile - ha detto il direttore generale della Asl Lanciano Vasto Chieti, Thomas Schael - per il costante supporto che garantiscono al lavoro dei nostri operatori sanitari in questa fase complessa e delicata per fare fronte alla pandemia da Coronavirus".

 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Leggi tutte le notizie dell'Abruzzo su abruzzo.zonalocale.it.

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi