"Positiva al Covid, per 23 giorni non hanno ritirato la mia immondizia" - La testimonianza
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


24 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 14/12/2020

"Positiva al Covid, per 23 giorni non hanno ritirato la mia immondizia"

La testimonianza

Contenitore per la raccolta dei rifiuti fornito alle persone in isolamento domiciliare perché positive al Covid-19Ventitré giorni. Li ha dovuti attendere una ventinovenne di Vasto, positiva al Covid-19, per vedersi ritirare l'immondizia.

La ragazza abita in nel quartiere di via San Michele, nella parte alta della città.

"Sono risultata positiva al Covid-19 più di tre settimane fa", racconta a Zonalocale. Per fortuna, non ha contratto una forma grave della malattia, ma racconta di aver avuto alcuni dei sintomi tipici del coronavirus, che le ha lasciato molta debolezza. Ora sta bene.

"Quando sono stata contattata dalla Asl per la prima volta, erano già trascorsi dieci giorni". Lo stesso giorno "mi hanno portato le scatole di cartone in cui buttare i rifiuti". Infatti, per evitare contagi, la giovane non ha potuto usare i contenitori della differenziata. Le è stato depositato davanti casa uno scatolone di cartone, su cui è scritto: "Contenitore monouso per rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo. Destinato all'inceneritore"

"Ho dovuto tenermelo sul balcone per tre settimane", spiega la ventinovenne. "Un periodo in cui ho preso contatti con la Pulchra, da cui mi è stato detto che il servizio compete a un'impresa di Pescara, e anche col Comune e con lo stesso sindaco Menna". Sono trascorsi altri due giorni (23 in tutto), prima di poter conferire, finalmente, lo scatolone del pattume. 

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi