Da orti ubani a mobilità sostenibile: il "Progetto per il futuro di Punta Penna" di Giammaria Racano - La presentazione nel corso della diretta Zoom del Consorzio Vivere Vasto Marina
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


24 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Ambiente 12/12/2020

Da orti ubani a mobilità sostenibile: il "Progetto per il futuro di Punta Penna" di Giammaria Racano

La presentazione nel corso della diretta Zoom del Consorzio Vivere Vasto Marina

È stato presentato oggi pomeriggio, in diretta Zoom e sulla pagina Facebook del Consorzio Vivere Vasto Marina, "Un progetto per il futuro di Punta Penna", progetto di riqualificazione dell'area realizzato dal giovane architetto vastese, Giammaria Racano.

Un progetto che, come spiegato da Racano, "nasce dall'antitesi tra la riserva naturale nata nel 1997 e la vocazione industriale che ha l'area dai tempi di post-costruzione del porto, quindi tra la seconda metà degli anni '40 e l'inizio degli anni '50. Si tratta di un progetto di recupero dei paesaggi degradati e compromessi delle aree retro industriali". Studio che, tra le altre cose, analizza il possibile "cambio di destinazione delle fabbriche inquinanti" e, dal punto di vista storico-culturale, la "riconnessione di tutte le aree di valore". Tutto il progetto è "una visione a 30/40 anni, che si sviluppa in vari momenti".

La presentazione, nel corso della quale Racano ha illustrato il suo progetto, rispondendo anche alle domande dei partecipanti, ha portato l'attenzione su temi che vanno "dallo sviluppo del territorio a tutti i progetti di enti differenti che purtroppo non comunicano tra loro – sottolinea l'architetto -. Criticità che torneranno ad affliggerci ogni volta che si andrà a sviluppare qualcosa nel territorio".

Studio, oggetto della tesi di laurea di Giammaria, del quale Zonalocale si era occupata già nel 2017 [LEGGI]. Ci sono state dimostrazioni di interesse concreto in questi ultimi 3 anni? "Basti pensare che è stato spostato il passaggio della Via Verde per non attenzionare la zona industriale - risponde -. Questo dimostra che non c'è volontà, non c'è intenzione, e ci sono tanti interessi da parte di molte persone per cui le cose è meglio che restino così. In caso contrario avrebbero quantomeno modificato il piano di assetto della riserva".

"Siamo tutti uniti - afferma nell'intervento conclusivo il presidente del Consorzio, Piergiorgio Molino - e riusciremo a trovare le giuste strade per portare sotto la lente di ingrandimento delle istituzioni la discussione e quindi la realizzazione di questa progettualità. È quello che ci auguriamo".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi