Quarantene non rispettate a Palmoli, il sindaco: "Denunceremo ai carabinieri" - 17 i casi in paese
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


18 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Palmoli   Attualità 10/12/2020

Quarantene non rispettate a Palmoli, il sindaco: "Denunceremo ai carabinieri"

17 i casi in paese

Il sindaco Giuseppe MasciulliDenuncia nei confronti di chi viola la quarantena e invito ai cittadini a segnalare eventuali trasgressioni. A Palmoli il sindaco Giuseppe Masciulli annuncia il pugno duro nei confronti di chi non si attiene alle regole per arginare i contagi da Covid-19.

La situazione in paese, nelle ultime due settimane, ha portato a un rapido aumento dei casi e attualmente i positivi sono 17; altre 20 persone, negative, sono in quarantena.

Il sindaco Masciulli in un avviso pubblico ha confermato che per diversi cittadini sottoposti a obbligo di quarantena "è stata segnalata la presenza all'interno di negozi e per le strade del paese": per questi casi è stata chiesta un'attività di verifica che potrebbe sfociare in una denuncia penale. "Il sindaco e gli amministratori comunali – continua il primo cittadino – che non hanno poteri di polizia, provvederanno all'immediata denuncia dei trasgressori nel caso di constatazione personale di tali atteggiamenti e invitano i cittadini che eventualmente saranno sentiti dai carabinieri a confermare i fatti così come esposti verbalmente agli amministratori stessi".

Intanto, per evitare nuovi contagi, con un'apposita ordinanza, Masciulli ha sospeso fino al 16 dicembre il mercato settimanale, la vendita al dettaglio da parte di ambulanti provenienti da altri Comuni e l'accesso alla villa comunale e agli impianti sportivi.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi