Giudici onorari, flash mob davanti al palazzo di giustizia per dire no al precariato - All’iniziativa di Assogot ha partecipato anche il presidente del Tribunale
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


18 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 10/12/2020

Giudici onorari, flash mob davanti al palazzo di giustizia per dire no al precariato

All’iniziativa di Assogot ha partecipato anche il presidente del Tribunale

Vasto: la protesta dei giudici onorari davanti al palazzo di giustiziaHanno cultura giuridica, esperienza nel dirimere le controversie, ma non una stabilità lavorativa. Per questo i giudici onorari di Tribunale protestano. Si sono ritrovati stamattina sotto al porticato del palazzo di giustizia di Vasto. La loro è stata una manifestazione di solidarieta verso Sabrina Argiolas e Vincenza Gagliardotto, le due got di Palermo protagoniste di uno sciopero della fame finalizzato a esprimere il disagio di un'intera categoria professionale tanto importante nell'amministrazione della giustizia, quanto precaria. 

Il flash mob di Vasto, attuato rigorosamente con mascherine e senza assembramento, è stato organizzato dalla giudice onoraria Michelina Iannetta, coordinatrice regionale di Assogot, per "le condizioni economiche e ordinamentali della categoria" e per chiedere al ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, "risposte concrete e convincenti per la categoria".

All'iniziativa non ha fatto mancare la sua presenza il presidente del Tribunale di Vasto, Bruno Giangiacomo

La crisi si fa sentire in tutto il settore giustizia: nei giorni scorsi l'approfondimento di Zonalocale sulla crisi dell'avvocatura [LEGGI]. 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi