"Caccia ferma a causa del Covid, nel Vastese rischiamo di avere 10 mila cinghiali" - L’appello di Michele Bosco (Terre di Punta Aderci), appello a Regione e ministero
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


17 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 07/12/2020

"Caccia ferma a causa del Covid, nel Vastese rischiamo di avere 10 mila cinghiali"

L’appello di Michele Bosco (Terre di Punta Aderci), appello a Regione e ministero

Casalbordino Lido: uno dei due cinghiali trovati morti ieri lungo la SS16"Due cinghiali morti ai margini della statale 16, lungo il rettilineo di Casalbordino.

"È probabile che siano stati investiti da qualche mezzo pesante. Uno ha anche una ferita che sembra proprio provocata da un urto", dice Michele Bosco, presidente dell'associazione Terre di Punta Aderci, sorta alcuni anni fa per tutelare automobilisti e agricoltori dai danni causati dagli ungulati che attraversano le strade causando incidenti e fanno razzia nelle campagne del Vastese. "Ora rischiamo di ritrovarcene fino a 10 mila nei campi del Vastese".

Tra il lockdown e le restrizioni finalizzate a contenere questa seconda ondata della pandemia, le doppiette sono rimaste a casa.

Casalbordino Lido: uno dei due cinghiali trovati morti ieri lungo la statale 16Secondo Bosco, questo ha comportato il proliferare dei cinghiali, da cui deriveranno, nel prossimi mesi, conseguenze pesanti: "La Regione aveva adottato un provvedimento condivisibile facendo ripartire la selezione per contenere la riproduzione dei cinghiali", afferma il presidente del sodalizio che ha raccolto oltre 2 mila firme lo scorso anno e promosso iniziative per chiedere l'intervento del governo regionale. "Ora, però, la caccia è ferma da ottobre causa Covid. Auspichiamo che sia prorogata almeno per tutto il mese di gennaio, poi bisognerà ripartire da una selezione fatta bene e utile per proteggere i campi coltivati. Senza la proroga - ammonisce Bosco - nel Vastese rischiamo di avere 10 mila cinghiali in più. Inoltre, a livello nazionale vanno presi dei provvedimenti, visto che in Abruzzo le aree protette ormai superano il 30% del territorio regionale. Se questo, da un lato, può essere motivo di vanto, dall'altro rischia di creare tanti serbatoi inespugnabili di fauna selvatica. Per questo - sostiene Bosco - è necessario che del problema si occupi il ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali". 

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 

Chiudi
Chiudi