Tatuaggi e piercing: "In Abruzzo nuove norme per tutelare operatori e clienti" - L’intervista a Diego Vicino dell’Associazione Piercers Abruzzesi
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


24 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 05/12/2020

Tatuaggi e piercing: "In Abruzzo nuove norme per tutelare operatori e clienti"

L’intervista a Diego Vicino dell’Associazione Piercers Abruzzesi

La conferenza stampa in RegioneNuove norme in Abruzzo per tatuaggi e piercing. Il consiglio regionale ha approvato una proposta di legge che "mira a normare un settore carente di disposizioni chiare e complete a livello nazionale", come è stato spiegato nella conferenza stampa in Regione a cui hanno preso parte i rappresentanti delle associazioni degli operatori, con i presidenti Pino Cipriani (tatuatori) e Paolo Pisciotti (piercers), e i consiglieri regionali Fabrizio Montepara, Manuele Marcovecchio e Vincenzo D'Incecco. 

Si stabiliscono "le modalità di svolgimento  e l’esercizio dell’attività attraverso la presentazione della SCIA". Vengono "individuate le competenze della Regione e quelle dei Comuni e le regole per lo svolgimento delle manifestazioni pubbliche di settore". Previsto anche "un riconoscimento per gli studi storici, premiando coloro che con coscienza e professionalità svolgono questo lavoro da almeno dieci anni".

Diego VicinoUna tutela, quindi, per i clienti ma soprattutto per gli operatori di settore. "Nel provvedimento è previsto  il divieto di eseguire tatuaggi, piercing, dermopigmentazione e trucco ai minori di 18 anni senza il consenso informato e obbligatorio reso personalmente da tutti i soggetti che esercitano la potestà genitoriale. Resta comunque vietato di eseguire dermopigmentazione, trucco e tatuaggi ai minori di 16 anni, e di piercing ai minori di 14 anni, fatto salvo il piercing al lobo dell’orecchio comunque autorizzato tramite consenso informato obbligatorio e reso personalmente dai soggetti che esercitano la potestà genitoriale". 

All'incontro a Pescara ha preso parte anche Diego Vicino, professionsta vastese, fondatore con Paolo Pisciotti e Fabiola Paluzzi dell'Associazione Piercers Abruzzesi. Con lui abbiamo fatto il punto su questo importante risultato raggiungo dalle associazioni degli operatori per il settore.

Guarda il video

di Giuseppe Ritucci (g.ritucci@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti


Video - Piercing e tatuaggi: in Abruzzo nuove norme per tutelare operatori e clienti

L'intervista a Diego Vicino, tesoriere dell'Associazione Piercers Abruzzesi - Servizio di Giuseppe Ritucci



 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi