Marchese: "Il Comune vuole chiudere la Casa famiglia". Magnacca: "Non è vero" - Polemica social tra ex primo cittadino e attuale sindaca
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


16 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

San Salvo   Politica 03/12/2020

Marchese: "Il Comune vuole chiudere la Casa famiglia". Magnacca: "Non è vero"

Polemica social tra ex primo cittadino e attuale sindaca

Gabriele MarcheseLa polemica corre sui social. Inizia con un "circola voce" e finisce con una smentita.

Protagonisti l'ex sindaco di San Salvo, Gabriele Marchese, e la sindaca attuale, Tiziana Magnacca.

A innescare il botta e risposta è un post pubblicato da Marchese sul suo profilo social e inviato ai giornalisti via messenger alle 17,45: "A distanza di diciotto anni - scrive - circola voce che l'amministrazione comunale di San Salvo ha deciso di chiudere la Casa famiglia. Questa notizia - aggiunge - era nell'aria da tempo, ora il colpo di grazia è arrivato a causa delle condizioni precarie in cui versa la struttura, dicono addirittura che vi siano problemi di staticità dei locali dovute (dovuti, ndr) a carenze manutentive. Con questa decisione continua la spoliazione dei servizi sociali nella nostra città e potrei fare un lungo elenco". Poi rivendica che "durante la mia gestione da Sindaco, il Comune non ha mai speso soldi per la sua gestione, si è sempre autofinanziata con le rette pagate dai vari Enti. Infine, con questa decisione vengono meno otto posti di lavoro tra educatori ed inservienti, in gran parte donne".

Tiziana MagnaccaIn serata, Magnacca risponde commentando duramente: "Il comune non chiude un bel niente" e contrattacca affermando che "si può fare a meno di strumentalizzare le situazioni che non si conoscono. Vi garantisco che nessuno ha chiesto al comune nulla in merito. Segno dell'amore per i servizi sociali e per le persone che vi lavorano...".

"Tuttavia - scrive la prima cittadina - abituati a incrementare i servizi sociali, si lavora in silenzio per garantire i posti di lavoro e un servizio che, sebbene non sia un servizio sociale del comune, ha visto dedicare in questi anni passione e amore da parte di moltissimi, spesso in contrasto con i tanti che vedevano i ragazzi della casa famiglia soli come un problema".

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi