Esche avvelenate nel recinto, "Così hanno cercato di uccidere i miei cani e i miei gatti" - L’episodio a San Buono
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


20 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

San Buono   Cronaca 29/11/2020

Esche avvelenate nel recinto, "Così hanno cercato di uccidere i miei cani e i miei gatti"

L’episodio a San Buono

Alcune delle esche avvelenateAncora un tentativo di uccidere cani e gatti con il veleno. È successo nella notte a San Buono. A assere presi di mira sono stati gli animali di Elio Longhi, consigliere di opposizione. L'uomo ha due pastori abruzzesi e diversi gatti. Ignoti hanno posizionato una busta contenente una trentina di esche avvelenate per topi sulla rampa del garage, all'interno della proprietà privata.

"Ho avvisato la locale stazione dei carabinieri – dice a zonalocale.it Longhi – Alcune esche erano mangiucchiate, gli animali per fortuna stanno bene, monitorerò le loro condizioni. È un gesto che sicuramente non si può definire appartenente a una società civile".

Periodicamente, purtroppo, si registrano avvelenamenti di animali con esche killer, una piaga comune a diverse località. Solo due settimane fa, un episodio analogo si è verificato a Vasto dove una gatta è stata salvata dal veterinario. In quel caso gli incivili di turno avevano posizionato esche con veleno e schegge di vetro [LEGGI].

La busta con le esche avvelenate

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi