È morto Nicola Cirulli. Intelligenza e lavoro infaticabile: così ha innovato il settore agricolo - Lutto nel mondo dell’impresa
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


16 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Cupello   Cronaca 28/11/2020

È morto Nicola Cirulli. Intelligenza e lavoro infaticabile: così ha innovato il settore agricolo

Lutto nel mondo dell’impresa

Nicola Cirulli (foto tratta da Italia è Magazine)Chi l'ha conosciuto, lo chiamava don Nicola. Era una forma di rispetto verso un uomo che, per tutta la sua vita ha coniugato intelligenza e duro lavoro. Nicola Cirulli se n'è andato oggi. Aveva 91 anni. Molto noto non solo nel Vastese, ha dedicato la sua vita alla produzione e all'innovazione nel settore agricolo ed era impegnato anche in quello della ristorazione.

Valorizzazione di terreni abbandonati, restauri, opere irrigue e brevetti tecnologici sono la sua eredità di imprenditore lungimirante e lavoratore infaticabile. "Si riposa di notte qualche ora e ci si diverte al mattino, dalle quattro in poi, lavorando", ha detto in un'intervista rilasciata a Pino Costa di Italia è magazine.

Originario di Schiavi d'Abruzzo, ha messo a frutto le sue intuizioni a Cupello, in contrada Bufalara, su un terreno di oltre mille ettari, ex feudo dei marchesi d'Avalos: lì c'è l'impero agricolo creato da Nicola Cirulli e gestito insieme ai familiari. Una terra fertile, che produce olio, barbabietole, vino e cereali in vendita sul mercato nazionale e quello estero. Suo il Villaggio Cirulli, struttura per la ristorazione e il divertimento.

Da alcuni giorni era ricoverato all'ospedale San Pio da Pietrelcina di Vasto. La sua scomparsa sta creando cordoglio non solo in paese, ma anche tra tutti coloro che hanno conosciuto e apprezzato le qualità umane e imprenditoriali di don Nicola. 

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi