Violenza sulle donne, inaugurata a Liscia la statua simbolo della lotta ai soprusi - Il sindaco: "Fare violenza ad una donna è come fare violenza alla vita stessa"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


18 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Liscia   Attualità 25/11/2020

Violenza sulle donne, inaugurata a Liscia la statua simbolo della lotta ai soprusi

Il sindaco: "Fare violenza ad una donna è come fare violenza alla vita stessa"

In occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, è stata inaugurata questa mattina all'interno della villa comunale di Liscia, una statua in legno che diverrà simbolo permanente del contrasto alla violenza.

"Abbiamo voluto fare una cosa diversa – dichiara il sindaco Antonio Di Santo - portando avanti questo progetto per far capire che la violenza è una cosa che noi come amministrazione e comunità teniamo al di fuori della nostra cultura. Vogliamo portare avanti una battaglia per opporci alla violenza sulle donne, fenomeno che si sta allargando in maniera enorme. Violenza che ultimamente corre anche sui social tramite i quali l'immagine e la vita delle donne spesso viene rovinata. Noi ribadiamo la nostra contrarietà e cerchiamo sempre di sensibilizzare affinché all'interno delle famiglie e nella quotidianità ci siano sempre meno violenze. Fare violenza ad una donna è come fare violenza alla vita stessa".

L'idea dell'opera, realizzata da Fabrizio Mariani, nasce dal rifiuto della violenza in tutte le sue forme e dalla ricerca del sentimento opposto per contrastarla: l'amore. La scultura rappresenta una figura femminile che contempla la creatura che sta crescendo nel suo ventre: questa creatura è il fruitore dell'opera che può accomodarsi nella seduta scavata all'interno della pancia. "Ringrazio l'amministrazione per avermi dato l'opportunità di esprimere la mia arte, dando vita questo progetto che veicola il pensiero di tutti noi – afferma Mariani -.  Piuttosto che celebrare, pubblicizzare gli atti di violenza che vengono commessi  dovremmo concentrarci sulle emozioni che possono contrastarla. In questo senso cerco di suscitare nei fruitori dell'opera proprio questo tipo di sensazione".

L'opera, ancorata a terra tramite le radici dell'albero, ci ricorda la connessione che come esseri umani abbiamo con l'ecosistema, equiparando la violenza sulla donna a quella a cui stiamo sottoponendo il nostro pianeta.

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi