"Lavoratori della sanità che assistono i pazienti Covid, indennità non per tutti" - Il caso
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


15 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 25/11/2020

"Lavoratori della sanità che assistono i pazienti Covid, indennità non per tutti"

Il caso

Vasto: ospedale San Pio da PietrelcinaGli indennizzi per i sanitari impegnati nella battaglia al Covid-19? Non per tutti. Lo riferisce un ausiliario dell'ospedale di Vasto, che ha contattato Zonalocale per raccontare di essersi visto accreditare in busta paga meno di quanto previsto dall'accordo Regione-sindacati.

G. (solo l'iniziale per rispettare la riservatezza di chi vuole sollevare il problema e non farne una questione personale) rivendica la sua appartenenza alla fascia B dei ristori, quella che prevede una maggiorazione dello stipendio di 20 euro al giorno. "Invece - dice - mi sono stati versati, tra l'altro con un mese di ritardo, i ristori riferiti al mese di aprile: solo 5 euro al giorno, come coloro che appartengono alla fascia C".

L'intesa sulla premialità, firmata dall'assessora regionale alla Sanità, Nicoletta Verì, e otto organizzazioni sindacali di categoria, prevede infatti tre fasce distinte: della A fanno parte i sanitari che assistono giornalmente i pazienti Covid, mentre la B comprende coloro che svolgono occasionalmente assistenza ai malati di coronavirus; infine la fascia C, in cui sono inseriti tutti i lavoratori che non rientrano nelle prime due. Agli addetti di fascia A spettano 40 euro giornalieri, per quelli della B ne sono previsti 20, mentre ai loro colleghi della C toccano 5 euro al giorno. "Da ausiliario - afferma F. - sono a disposizione di tutti i reparti. Eppure mi hanno pagato come se fossi in fascia C. So di non essere l'unico all'ospedale di Vasto ad avere questo problema".

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 
 

Chiudi
Chiudi