Pilkington, la Nsg annuncia "progetto di trasformazione per sopravvivere alle difficoltà" - L’incontro con i sindacati, "Non si tornerà ai livelli pre-Covid prima del 2024"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


16 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

San Salvo   Attualità 24/11/2020

Pilkington, la Nsg annuncia "progetto di trasformazione per sopravvivere alle difficoltà"

L’incontro con i sindacati, "Non si tornerà ai livelli pre-Covid prima del 2024"

Un progetto di trasformazione che coinvolgerà tutta la galassia Nsg per far fronte alle difficoltà derivanti dalla pandemia e a un mercato dell'auto che, secondo le stime del gruppo nipponico, non tornerà ai livelli pre-Covid prima del 2024-2025. È quanto emerso dall'incontro che si è tenuto ieri tra sindacati di Pilkington, Bravo e Primo e rappresentanti aziendali.

La dirigenza ha comunicato alle delegazioni l'intenzione della casa madre di apportare cambiamenti per raggiungere una maggiore competitività e soprattutto per "sopravvivere a questa fase economica anche con azioni che possano ristabilire gli adeguati livelli di redditività". Per ora non emergono ulteriori dettagli su cosa implica tale trasformazione. Durante i mesi del lockdown, la Nsg ha annunciato una revisione (ristrutturazione) dello scacchiere globale delle proprie sedi e ha spento due forni float in Giappone e Malesia sollevando timori anche da queste parti [LEGGI].

Le attività di sviluppo dei nuovi modelli sono state rallentate dalla pandemia e dalla transizione – già a rilento – in corso tra veicoli tradizionali ed ecologici. I risultati economici della prima metà del 2020 hanno evidenziato, nel primo trimestre, il peso negativo del lockdown e il conseguente calo delle vendite in Europa. Nel secondo trimestre c'è stata una parziale ripresa del mercato dell'auto con le linee produttive che, soprattutto in questi ultimi mesi, hanno lavorato con i rispettivi carichi impianti.

A tali circostanze si aggiunge un'accesa concorrenza tra fornitori anche sui modelli già in produzione. I sindacati hanno espresso forte preoccupazione per la situazione attuale, ricordando "i numerosi sacrifici che i lavoratori di San Salvo hanno fatto in questi anni e hanno espressamente chiesto all'azienda di mettere in campo tutti gli strumenti messi a disposizione dal Governo e Regione su iniziative di politiche attive del lavoro, anche attraverso il Fondo Nuove Competenze, volte a rendere il sito di San Salvo sempre più competitivo e salvaguardare il lavoro e i livelli occupazionali di questo territorio". Le organizzazioni sindacali si sono dette pronte a "porre in essere tutte le iniziative nei confronti della politica locale e nazionale per la proroga del provvedimento Decontribuzione sud".

COVID-19 - Alla riunione ha partecipato anche il responsabile della Sicurezza e ambiente dello stabilimento che ha fatto il punto sui contagi registrati nelle fabbriche del gruppo. Da febbraio a oggi, sono stati circa 20, quasi tutti avvenuti in ambito familiare. "L'azienda – spiegano i sindacti – ha ribadito di aver attuato tutte le procedure seguendo alla lettera il protocollo sanitario, monitorando nello stesso tempo la situazione in accordo con i responsabili sanitari territoriali".

"L'azienda ha infine comunicato che, conformemente alle norme in vigore, con le competenze di dicembre 2020 sarà riconosciuto il 30% dell'importo effettuato in donazione dell'ospedale di Vasto".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

 
 
 

Necrologi


    Chiudi
    Chiudi