Dal M5S di Vasto il "No" al referendum per la variante alla SS16: "Non è regolamentato" - "Variante già confermata all’unanimità dal Consiglio comunale di Vasto"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


28 gennaio 2021
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 23/11/2020

Dal M5S di Vasto il "No" al referendum per la variante alla SS16: "Non è regolamentato"

"Variante già confermata all’unanimità dal Consiglio comunale di Vasto"

Le varianti alla statale 16 Nella scorsa puntata di Timeout, in diretta ogni giovedì alle 18:30, durante il confronto sulla variante alla statale 16 scaturito tra Francesco Menna, Alessandra Notaro e Piergiorgio Molino, è stato ipotizzato un possibile referendum per far scegliere ai cittadini vastesi che tipo di variante adottare sul territorio. Per il Movimento 5 Stelle, tuttavia, l'argomento sembrerebbe essere già chiuso da tempo, come si legge nel comunicato stampa di stamattina:

"Se esiste un progetto su cui tutte le forze politiche di Vasto sono d’accordo è proprio quello della variante, così come predisposto a suo tempo dalla Provincia di Chieti".

Vorremmo anche ricordare che nel 2017 il M5S organizzò una raccolta firme dei cittadini che, in grande maggioranza, scelsero il progetto della Provincia. Scelta successivamente confermata all’unanimità dal Consiglio comunale di Vasto.[...] Con il recovery fund arriveranno miliardi per i lavori pubblici e, in tale contesto, non dobbiamo accontentarci di soluzioni parziali, raffazzonate e dannose per il paesaggio della costa.

Siamo di fronte a un’occasione unica e non dobbiamo perderla.

Lo strumento referendario, superfluo in questa occasione, resta per il M5S il più democratico degli strumenti possibili ma, è bene ricordarlo, a Vasto non è stato ancora regolamentato. Vasto non ha ancora un Regolamento alla partecipazione che disciplini non solo il referendum ma anche altre forme di partecipazione diretta dei cittadini, quali a esempio le petizioni.

Eppure, i nostri portavoce Dina Carinci e Marco Gallo hanno presentato nel 2017 una mozione, approvata all’unanimità dal Consiglio comunale, che dava indirizzo alla Commissione Affari Istituzionali per la redazione del Regolamento alla partecipazione, in linea con quanto previsto dallo Statuto comunale.

Il Sindaco Menna, quindi, invece di pronunciarsi ipocritamente a favore dell’utilizzo del referendum, si dia da fare con la sua maggioranza, affinché la Commissione Affari istituzionali ottemperi a quanto deliberato nel 2017 dal Consiglio comunale, predisponendo al più presto il Regolamento alla partecipazione, strumento indispensabile per la democrazia della comunità vastese e ancora irrealizzato dopo 14 anni di amministrazioni di centro-sinistra".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     

    Chiudi
    Chiudi