"Variante alla Statale 16, decidano i vastesi tramite un referendum" - La proposta del consorzio Vivere Vasto Marina
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


5 dicembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Politica 21/11

"Variante alla Statale 16, decidano i vastesi tramite un referendum"

La proposta del consorzio Vivere Vasto Marina

Sulla variante alla Statale 16 decidano i vastesi. Un referendum per scegliere la soluzione migliore. La proposta è di Piergiorgio Molino, presidente di Vivere Vasto Marina, il consorzio dei commercianti della riviera. 

Attesa da vent'anni, l'opera pubblica, che consentirebbe di liberare il litorale dal traffico pesante, è "indispensabile per la mobilità di Vasto Marina perché la Statale attraversa un tratto enormemente urbanizzato, il tratto con la maggiore densità abitativa della Costa dei Trabocchi, e non è più concepibile che lì passino continuamente dei camion. Sicuramente è da valutare anche l'aspetto economico, perché un'opera da 87 milioni di euro, qualora vengano coinvolte le imprese locali, sicuramente porterà ricchezza sul territorio. Riteniamo - ha affermato Molino intervenendo a Timeout - che, attraverso i tecnici, vadano individuate e proposte ai cittadini delle soluzioni fatte con la realtà virtuale, chiamando a raccolta la cittadinanza attraverso un referendum per la valutazione dell'impatto".

Il dibattito sulla variante di Vasto inizia dal 7° minuto della puntata di Timeout di due giorni fa:

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi