Massimo e Jessica a dieci anni dalla morte, i parenti: "Pensateci e pregate per noi" - Nel novembre del 2020 l’agguato in Honduras in cui i coniugi hanno perso la vita
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


30 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 18/11

Massimo e Jessica a dieci anni dalla morte, i parenti: "Pensateci e pregate per noi"

Nel novembre del 2020 l’agguato in Honduras in cui i coniugi hanno perso la vita

Massimo Cassinera e Jessica Padron PerezSono trascorsi dieci anni dalla morte di Massimo Cassinera. Lui e la moglie, Jessica Padron Perez, sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco dieci anni fa in Honduras. Avevano 49 anni lui e 34 lei.

L'imprenditore, che a Vasto, la città della madre, aveva gestito un negozio di moto, si era trasferito prima a Nettuno, poi a La Ceiba, dove aveva continuato la sua attività.

Ora, a un decennio da quell'agguato, gli amici vogliono esprimere pubblicamente un pensiero per lui e per la moglie, ricordandoli per i buoni sentimenti che hanno espresso nella loro vita, spezzata troppo presto: "La morte non è niente, il filo non è spezzato, siamo solo dall'altra parte del cammino...che il nostro nome sia pronunciato in casa come lo è sempre stato....parlate con noi come avete sempre fatto, sorridete, pensate a noi, pregate per noi. Dieci anni sono trascorsi, vi ricordano mamma Grazia e papà Carlo e gli amici".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi