In Slowly i Footligths raccontano in musica una "complessa e ambivalente modernità" - Terzo estratto dall’ep Cardinal Sounds della band vastese
Scopri di più CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


5 dicembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Musica 18/11

In Slowly i Footligths raccontano in musica una "complessa e ambivalente modernità"

Terzo estratto dall’ep Cardinal Sounds della band vastese

Si intitola Slowly il terzo brano estratto dall'Ep Cardinal Sounds dei Footlights. La band vastese formata da Jacopo Nanni (tastiere), Giuseppe D'Adamo (batteria), Giordano Desiati (chitarra) e Francesco Pracilio (basso) torna con un nuovo pezzo strumentale, anche questo accompagnato da un videoclip, in cui si "immortala in movimento la complessa, sgusciante, controversa e per molti punti di vista ambivalente modernità".

Il videoclip di Slowly è stato ideato e realizzato dal disegnatore Antonio Pelliccia che, "ispirandosi unicamente alla musica strumentale del brano e al titolo (tradotto, “Lentamente”) è riuscito con elegante maestria a trasformare la nostra musica in questo disegno molto originale", raccontano i Footlights. Il montaggio, l'editing e la post produzione è stata affidata a Giovanni Monni, ormai punto di riferimento prezioso per tutti i lavori video della band. Il brano è stato registrato e mixato nello studio Garone Production di Piero Garone e il master è stato affidato a Gianmarco Battista. 

"Mentre vedevo per la prima volta il grandioso e originale lavoro del talentuoso e gentilissimo Antonio, sono affiorati dentro di me una serie di pensieri e visioni, una su tutte la figura mitologica di Atlante - racconta Jacopo Nanni - . Come sappiamo, egli sorregge il peso di tutto globo terrestre sulle proprie spalle e il protagonista di questo disegno fa sostanzialmente la stessa cosa! Infatti, pur essendo sottoposto ad un fardello simile ha forza e potenza sufficienti per muoversi e affrontare il faticoso cammino, inseguendo (mi piace pensarla in questo modo) le note ed i battiti di tutto l’arrangiamento del nostro brano.

Così come le tartarughe marine appena nate non possono fare a meno di sentire il richiamo del mare, anche la nostra mega tartaruga ultracentenaria, per certi versi mitologica, sovraccaricata dal peso di questa civiltà moderna, ricca di virtù ma anche di contraddizioni, procede seppur lentamente ma determinata, verso quell’appuntamento col destino, al quale non può mancare".

Ascolta il brano su Spotify - CLICCA QUI
Ascolta l'ep su Bandcamp - CLICCA QUI
I Footlights su facebook - SEGUI

Guarda il video

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi