Abruzzo verso la zona rossa, Menna e Bosco: "Si eviti la chiusura totale delle scuole" - "Seguire le indicazioni del Governo e lasciare ai sindaci la possibilità di scelta"
 
Vasto   Attualità 16/11

Abruzzo verso la zona rossa, Menna e Bosco: "Si eviti la chiusura totale delle scuole"

"Seguire le indicazioni del Governo e lasciare ai sindaci la possibilità di scelta"

Sono ore di attesa in Abruzzo per i provvedimenti annunciati dal presidente della regione, Marco Marsilio, con il passaggio alla zona rossa e la paventata chiusura di tutte le scuole. "Siamo in attesa di conoscere le decisioni del governo regionale in merito alla istituzione della zona rossa in Abruzzo. In particolare - hanno dichiarato il sindaco di Vasto, Francesco Menna e l’assessore con delega alle Politiche scolastiche, Anna Bosco - per le scelte che riguardano la chiusura delle scuole. Ci auguriamo che, come per le altre regioni zona rossa, anche l’Abruzzo rispetti le decisioni del governo nazionale ed applichi la didattica a distanza eventualmente solo per la seconda e la terza media. Come la maggior parte delle regioni che hanno scelto di lasciare aperte le scuole dell’infanzia, le scuole primarie e le classi della prima media così auspichiamo che venga realizzato in Abruzzo. Le regioni che hanno adottato questa scelta non lo hanno fatto solo per ragioni legate ai contagi, comunque ridotti all’interno delle scuole, ma perché legate ad una volontà politica precisa: mettere un’intera comunità  ed un intero Paese al servizio della formazione. Già l’Italia è stata nella prima fase del lockdown una delle nazioni europee che ha tenuto chiuse le scuole più a lungo e oggi ci auspichiamo che segua l’esempio delle nazioni europee che pur adottando forme severe di lockdown, difendono fino a quando sarà possibile l’apertura delle scuole".

Il primo cittadino "chiede che venga lasciata ai sindaci ed ai dirigenti scolastici la valutazione su ogni plesso scolastico eventualmente da chiudere. La nostra richiesta nasce in primis in supporto alle famiglie degli studenti più piccoli che avranno non poche difficoltà a seguire la Dad senza supporti familiari, tecnologici ed economici. Scelta che andrebbe a penalizzare molto anche alcune categorie di lavoratori per i quali oggi al governo non sono state previste forme di sostegno".

C'è anche "il problema delle disuguaglianze sociali: anche qualora il governo riuscisse a soddisfare le esigenze di ancora 300 mila studenti in Italia senza computer o connessione, non potrà mai garantire a tutti una cameretta adeguata o un contesto familiare sereno che consenta concentrazione, venendo meno anche il ruolo di controllo sociale che svolge la scuola. Cogliamo ancora l’occasione per ringraziare il personale docente dei grandi sforzi realizzati in questi mesi ed in particolare in questi giorni".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi