"Per un assorbente buttato in spiaggia il mio cane ha rischiato di morire" - Il racconto di Luigi Perchinunno
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


23 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 16/11

"Per un assorbente buttato in spiaggia il mio cane ha rischiato di morire"

Il racconto di Luigi Perchinunno

Jordan PerchinunnoJordan è stato operato d'urgenza. "Stava male, perché aveva ingoiato inavvertitamente un assorbente gettato in spiaggia", racconta Luigi Perchinunno.

Jordan è il suo cane, che ha dieci anni, "l'ho chiamato così in onore della Jordan, l'auto da corsa", spiega il noto pilota vastese, che poi racconta la disavventura vissuta dal suo amico a quattro zampe.

"L'ho portato in spiaggia per una passeggiata, come faccio spesso. Quando siamo tornati a casa a pranzo, non ha mangiato, ma beveva di continuo. Poi ha vomitato quattro-cinque volte. Ho capito che stava male. L'ho portato in una clinica veterinaria, dove l'ecografia ha rivelato la presenza di un corpo estraneo, che andava immediatamente rimosso. Era un assorbente. La dottoressa lo ha operato d'urgenza, così gli ha salvato la vita.

Ho voluto raccontare quello che è successo a Jordan - conclude Perchinunno - per sensibilizzare tutti al rispetto delle norme di igiene pubblica, perché gettare rifiuti dove capita, oltre a evidenziare maleducazione, può causare seri problemi ai cani che, se li ingeriscono, corrono il pericolo di morire". 

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi