Ci ha lasciato Marco Rapino: da oggi il nostro territorio è un po’ più povero - L’archeologo vastese aveva 62 anni
Scopri di più CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


5 dicembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 14/11

Ci ha lasciato Marco Rapino: da oggi il nostro territorio è un po’ più povero

L’archeologo vastese aveva 62 anni

Si è spento questa mattina Marco Rapino, aveva 62 anni. Un territorio intero perde un appassionato studioso, un ricercatore, un esploratore. Con la cooperativa Parsifal è stato il cuore pulsante di tante esplorazioni archeologiche che hanno permesso di aggiungere tasselli importanti alla storia della nostra terra. Negli ultimi 20 anni si è calato decine di volte nei pozzi dell'acquedotto romano delle Luci, spinto dalla passione della scoperta, dalla voglia di ricostruire la storia di una straordinaria opera di ingegneria idraulica che oggi possiamo conoscere meglio proprio grazie alle esplorazioni da lui guidate. 

Marco non era solo un appassionato archeo-speleologo, definizione che in questi anni abbiamo imparato a conoscere parlando di lui e dei suoi colleghi che - a volte anche con un pizzico di incoscienza - hanno percorso gli stretti cunicoli sotterranei. Era uno straordinario divulgatore scientifico, capace ci guidare i giovani alla scoperta delle meraviglie di questa terra, dall'acquedotto di Vasto a quello di San Salvo. Tante le persone che, negli ultimi anni, si sono calate nel pozzo Pentagonale dell'acquedotto ipogeo di San Salvo e, con l'estrema sicurezza garantita dalla sua presenza, hanno percorso un tratto di storia. Tante le persone che, nei musei del Vastese, nelle mostre storico-fotografiche, nelle passeggiate archeologiche, hanno potuto ascoltare il suo racconto appassionato, preciso e sempre coinvolgente.

Da oggi questo territorio è un po' più povero. La sua famiglia, tutte le comunità che ha incrociato nel suo cammino, le persone che lo hanno conosciuto e apprezzato, perdono una persona preziosa. 

di Giuseppe Ritucci (g.ritucci@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi