Il sindaco Magnacca invita a dedicare un minuto di silenzio per le vittime della strage di Nassiriya - Nell’attentato persero la vita 19 persone tra carabinieri, militari e civili
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


24 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

San Salvo   Cronaca 12/11

Il sindaco Magnacca invita a dedicare un minuto di silenzio per le vittime della strage di Nassiriya

Nell’attentato persero la vita 19 persone tra carabinieri, militari e civili

Tiziana Magnacca (foto di repertorio) Un minuto di silenzio in memoria delle vittime dell'attentato di Nassiriya del 12 novembre 2003. È l'invito rivolto dal sindaco di San Salvo, Tiziana Magnacca, alla cittadinanza.

"Invito la comunità di San Salvo a trovare un minuto di raccoglimento per unirci idealmente in preghiera nel ricordo delle vittime dell'attentato di Nassiriya. Sono trascorsi 17 anni da quando morirono 19 persone, tra carabinieri, militari e civili per lo scoppio di un camion cisterna pieno di esplosivo davanti a una base italiana in Iraq". 

"Quest'anno per l'emergenza Covid si è ritenuto, con il presidente dell'associazione nazionale dei carabinieri di San Salvo, Alfonso Mastroiacovo, di rimandare ad altra data la commemorazione davanti al Monumento della Speranza, dedicato ai caduti di Nassiriya e realizzato dall'artista Claudio Gaspari. Abbiamo il dovere del ricordo per onorare quanti persero la vita nella base Maestrale dove sventolava la bandiera italiana".

Sotto le macerie sono rimasti 12 carabinieri della Msu (Enzo Fregosi, Giovanni Cavallaro, Alfonso Trincone, Alfio Ragazzi, Massimiliano Bruno, Daniele Ghione, Filippo Merlino, Giuseppe Coletta, Ivan Ghitti, Domenico Intravaia, Horatio Maiorana, Andrea Filippa); cinque uomini dell'Esercito (Massimo Ficuciello, Silvio Olla, Emanuele Ferraro, Alessandro Carrisi e Pietro Petrucci); due civili, il regista Stefano Rolla, che stava facendo un sopralluogo per un film sulle missioni di pace e l'operatore della cooperazione internazionale Marco Beci.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Necrologi


      Chiudi
      Chiudi