Troppi contagi, da mercoledì anche l’Abruzzo in zona arancione - Lo ha comunicato il ministro Speranza a Marsilio
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


26 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Roma   Attualità 09/11

Troppi contagi, da mercoledì anche l’Abruzzo in zona arancione

Lo ha comunicato il ministro Speranza a Marsilio

Da mercoledì 11 novembre l'Abruzzo entrerà a far parte della zona Arancione. Troppi i contagi (oggi il picco dall'inizio dell'emergenza, 625 in un giorno, LEGGI), così tra due giorni anche nella nostra regione entreranno in vigore maggiori restrizioni.

"Il ministro Speranza mi ha anticipato poco fa l’esito della riunione che ha stabilito il passaggio dell’Abruzzo, insieme ad altre quattro Regioni (Umbria, Basilicata, Liguria e Toscana) nella zona arancione. Gli effetti del provvedimento che il ministro si appresta a firmare in serata avranno decorrenza dalla giornata di mercoledì", dichiara il presidente regionale Marco Marsilio.

REGIONI ARANCIONI
Si applicano tutte le misure previste nelle gialle.
A queste si aggiungono: Divieto di entrata e uscita da una Regione all'altra e da un Comune all'altro (salvo motivi di lavoro, necessità ecc.). Forte raccomandazione a limitare gli spostamenti anche all'interno del proprio Comune durante il resto della giornata.
Bar e ristoranti chiusi 7 giorni su 7 (ok ad asporto fino alle 22 e consegna a domicilio senza limitazioni).

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi