Vasto, +10 casi di Covid-19, +11 a San Salvo. A Scerni chiusa la scuola primaria - Coronavirus, i dati dei Comuni
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


26 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 08/11

Vasto, +10 casi di Covid-19, +11 a San Salvo. A Scerni chiusa la scuola primaria

Coronavirus, i dati dei Comuni

A Scerni chiuse le scuoleScuole chiuse a Scerni, dove "risultano contagiati anche alcuni genitori di alunni". Lo ha deciso il sindaco, Alfonso Ottaviano, con l'ordinanza numero 587, che dispone la "sospensione delle attività didattiche in presenza per tutte le scuole di ogni ordine e grado dal 9 novembre 2020 al 14 novembre 2020 compreso, ed anche per il micronido".

A Scerni "risultato ad oggi accertati12 casi di positività al test Sars-CoV-2 e 17 cittadini in isolamento quarantenario domiciliare fidicuario con sorveglianza attiva e tra i casi positivi risultano contagiati anche alcuni genitori di alunni frequentanti le scuole di Scerni". La sospensione delle attività didattiche è necessaria "al fine di interrompere in via precauzionale la catena dei contagi". La ripresa delle lezioni in presenza è prevista per lunedì 16 novembre.

Vasto, 10 positivi, 11 a San Salvo - Dieci casi di Covid-19 diagnosticati oggi a Vasto, dove si registra anche la guarigione di una persona che era risultata positiva al virus. Sono attualmente 33 le nuove quarantene, 13 quelle ultimate oggi; 118 i positivi attivi, 108 il totale dei guariti, 228 quello dei casi dall'inizio della pandemia.

In serata, l'ufficio stampa del municipio di San Salvo riferisce che la Asl ha comunicato altri 11 casi di coronavirus.

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi