Pennetta: "Assurda la decisione di convertire la terapia intensiva del San Pio a reparto Covid" - "Vasto Cenerentola d’Abruzzo. Schael pensi a ristrutturare l’ospedale"
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


24 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 07/11

Pennetta: "Assurda la decisione di convertire la terapia intensiva del San Pio a reparto Covid"

"Vasto Cenerentola d’Abruzzo. Schael pensi a ristrutturare l’ospedale"

Angela Pennetta Continua a suscitare polemiche la riorganizzazione dell'ospedale San Pio di Vasto annunciata ieri dal direttore generale della Asl, Thomas Schael. Operazione che prevede, tra le altre cose, la riconversione di alcuni posti letto del nosocomio vastese per accogliere i pazienti Covid [LEGGI].

Ad esprimere contrarietà al progetto della Asl, anche Angela Pennetta presidente del comitato civico l'Arcobaleno che reputa "assurda la decisione dell'amministratore Thomas Schael, adottata per la trasformazione del nostro ospedale dove ha deciso di accorpare chirurgia ad urologia ed ortopedia e far diventare terapia intensiva reparto Covid. Tutto questo senza alcun finanziamento. Vasto ancora una volta Cenerentola d'Abruzzo". 

"Schael dovrebbe pensare a ristrutturare l'ospedale - afferma - riaprire la cucina ed invece aggiunge caos e pericoli concreti per i pazienti e gli operatori sanitari che con immani sacrifici stanno portando avanti il loro duro lavoro. Unica soluzione? rispedire in Germania il tedesco. Basta danni su danni al nostro martoriato San Pio".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi