Economy of Francesco, suor Smerilli: "Dare voce ai giovani è costruire ponti verso il futuro" - In Vaticano presentato l’evento online che si svolgerà dal 19 al 21 novembre
Timeout- Il confronto tra Bosco e D'Elisa sulla scuola CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


27 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 30/10

Economy of Francesco, suor Smerilli: "Dare voce ai giovani è costruire ponti verso il futuro"

In Vaticano presentato l’evento online che si svolgerà dal 19 al 21 novembre

È stata presentata a Roma, nella sala stampa del Vaticano, Economy of Francesco – Papa Francesco e i giovani da tutto il mondo per l’economia di domani. Dal 19 al 21 novembre i giovani di tutto il mondo si riuniranno online raccogliendo l'invito lanciato da Papa Francesco nel 2019 per  "una economia diversa, quella che fa vivere e non uccide, include e non esclude, umanizza e non disumanizza, si prende cura del creato e non lo depreda". L'evento era previsto per lo scorso mese di marzo, poi rinviato a novembre per la pandemia e ora trasferito online sul portale www.francescoeconomy.org. Nel suo intervento [LEGGI] il professor Luigino Bruni, responsabile scientifico dell'iniziativa, ha spiegato che "l’Economia di Francesco è diventato il più vasto movimento di giovani economisti e imprenditori del mondo". Con lui anche padre Enzo Fortunato, direttore della sala stampa del Convento di Assisi, l'avvocato Francesca Di Maolo, del Comitato Scientifico e Florencia Locascio, in collegamento dall'Argentina.

Suor Alessandra Smerilli, docente di economia e consigliera di Stato del Vaticano, è tra i componenti del Comitato Scientifico. "Economia di Francesco significa innanzitutto giovani, speranza e concretezza - ha detto la religiosa ed economista vastese durante la presentazione dell'evento -. Non è chiedere ai giovani di diffondere un messaggio ma di contribuire a costruirlo questo messaggio. È questo il senso della chiamata fatta da Papa Francesco e il suo invito ad incontrarli ad Assisi. In un mondo malato di pensiero a breve termine e poca visione di futuro, dare voce ai giovani significa a costruire ponti verso il futuro".

Ha poi sottolineato come "in questi tempi di incertezza Papa Francesco invita a guardare oltre, a preparare il futuro, e a farlo in modo concreto, con lo sguardo sempre rivolto a chi è più in difficoltà - riporta l'Agenzia Info Salesiana - . E i giovani stanno rispondendo a questo invito. Non ci presenteranno dunque un documento, non faranno un trattato su cosa vuol dire Economia di Francesco, ma prepareranno proposte, ci diranno come vogliono impegnarsi e di quale aiuto hanno bisogno".

Economy of Francesco. Da marzo ad oggi - spiega Vatican News - quasi mille giovani hanno lavorato attivamente nei 12 villaggi tematici: lavoro e cura; management e dono; finanza e umanità; agricoltura e giustizia; energia e povertà; profitto e vocazione; policies for happiness; CO2 della disuguaglianza; business e pace; economia è donna; imprese in transizione; vita e stili di vita. Le attività di ogni villaggio sono state coordinate da 2 figure scelte dal Comitato Scientifico (un membro junior e un membro senior) e in media da circa 10 collaboratori.

Sono stati organizzati circa 300 eventi in preparazione di Economy of Francesco e una serie di webinar, in totale 27 seminari online mandati in streaming sul canale Youtube ufficiale dell’evento e tradotti in 4 lingue. Per l’appuntamento di novembre si sono iscritti in duemila under 35 provenienti da tutto il mondo, 56% uomini e 44 % donne. Sono 120 le nazioni che saranno collegate per 4 ore al giorno più una maratona di 24 ore il secondo giorno, con il contributo di oltre 20 Paesi.

Guarda le foto

di Giuseppe Ritucci (g.ritucci@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi