Covid-19, l’Abruzzo tra le regioni a rischio alto. Verì: "Non c’è allarme, ma limitare le uscite" - In Italia oggi altri 31mila casi
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


30 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Roma   Attualità 30/10

Covid-19, l’Abruzzo tra le regioni a rischio alto. Verì: "Non c’è allarme, ma limitare le uscite"

In Italia oggi altri 31mila casi

La conferenza stampa di questo pomeriggioL'Abruzzo tra le regioni a rischio alto insieme a Basilicata, Calabria, Liguria, Lombardia, Piemonte, Puglia, Sicilia, Toscana, Valle d'Aosta e Veneto. È quanto emerso dalla conferenza stampa del presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, e del presidente del Consiglio Superiore di Sanità, Franco Locatelli, sull’analisi della situazione epidemiologica di Covid-19 in Italia.

Oggi i nuovi positivi sono stati 31.084 (ieri erano 26.831). A preoccupare è l'indice di trasmissibilità Rt calcolato sui casi sintomatici pari a 1,70. Valori superiori a 1,25 si riscontrano in gran parte delle regioni italiane.

La situazione peggiore, quella definita "Scenario 4", riguarda quattro regioni: Calabria, Emilia Romagna, Lombardia e Piemonte alle quali si aggiunge la provincia autonoma di Bolzano. Le 11 regione su menzionate, tra le quali l'Abruzzo, sono definite a rischio elevato di una trasmissione non controllata di SARSCoV-2. Altre 8 regioni e province autonome sono classificate a rischio moderato con una probabilità elevata di progredire a rischio alto nel prossimo mese. 

L'andamento della pandemia, quindi, è considerata in rapito peggioramento in tutta Italia attualmente con uno scenario 3 in evoluzione verso quello di tipo 4 (già raggiunto, come detto, in alcune aree) con il rischio di tenuta dei servizi sanitari nel breve periodo. "Si conferma pertanto una situazione complessivamente e diffusamente molto grave sul territorio nazionale con rischio di criticità importanti a breve termine in numerose Regioni/PA italiane. Cruciale il ruolo dei medici di medicina generale per garantire la gestione ottimale dei malati".

ABRUZZO, "LIMITARE LE USCITE" - L'assessore regionale alla Salute, Nicoletta Verì, in conferenza stampa stamattina ha invitato a non are allarmismo: "Non siamo in una fase allarmante, né in una situazione critica, ma il numero dei contagi continua a crescere. Siamo ancora in grado di gestire sia i positivi a livello territoriale che in ospedale. Invito i cittadini a limitare le uscite ed evitare gli assembramenti, soprattutto in occasione della ricorrenza di tutti i morti: rispettate le regole".
Nei giorni scorsi, la Asl Lanciano Vasto Chieti ha suonato un campanello d'allarme sui posti letto in provincia [LEGGI]. Su quest'aspetto la Verì ha detto: "Ad oggi tutti quelli che hanno avuto bisogno di avere un posto letto sia in ospedale come ricovero ordinario, sia in terapia intensiva e sub intensiva, lo hanno avuto e lo avranno ancora. Il problema della crescita esponenziale dei contagi non dipende dal sistema sanitario regionale, ma dall'incidenza dei contagi. Lo ribadisco: ad oggi la situazione è sotto controllo".

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi