Sanità convenzionata, i lavoratori alla Regione: "I nostri sacrifici non siano vani" - Niente bonus Covid al settore privato, Leone (Cgil) scrive a Marsilio e Verì
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


30 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 28/10

Sanità convenzionata, i lavoratori alla Regione: "I nostri sacrifici non siano vani"

Niente bonus Covid al settore privato, Leone (Cgil) scrive a Marsilio e Verì

Daniele Leone (Fp Cgil)Senza bonus Covid e col contratto scaduto ormai da più di otto anni, i lavoratori della sanità privata convenzionata rimangono in prima linea. Lottano contro la pandemia, si prendono cura di anziani e pazienti con malattie croniche e pluripatogie, “ma pare che nessuno si sia accorto di noi”, denuncia Daniele Leone, coordinatore regionale degli operatori sanitari iscritti alla Fp Cgil.

Il rappresentante sindacale dei professionisti del settore privato chiede al presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, e all’assessora regionale alla Sanità, Nicoletta Verì, che il bonus erogato dal Governo alle Regioni “a titolo di indennità agli eroi della sanità, che hanno combattuto e combattono tutti i giorni contro l’emergenza, venga riconosciuto anche a noi”.

L’elenco degli esclusi comprende “infermieri, operatori socio sanitari, tecnici di laboratorio e di radiologia, medici, educatori, logopedisti, fisioterapisti, ausiliari e operatori sanitari”. I lavoratori rimangono in prima linea nella lotta al coronavirus, nonostante le ultime settimane abbiano fatto registrare 14 contagi nella Marsica, 70 in una Rsa dell’Aquila e 40 in un focolaio scoperto in provincia di Chieti. Per garantire assistenza, “rinunciamo alle ferie per rientrare in servizio, svolgiamo i doppi turni all’occorrenza”, ma l’esclusione dagli indennizzi “accresce il malessere in noi”.

Leone ricorda a Marsilio e Verì che altre Regioni “sono riuscite a trovare tra le pieghe dei loro bilanci quelle giuste risorse da impiegare” per “ripagare moralmente l’impegno profuso nei mesi bui del lockdown e di questa seconda ondata emergenziale tutti gli operatori sanitari”, affinché “il sacrificio, l’impegno dei colleghi della sanità privata non sia vano”.

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi