Lions Club, piccole donazioni contro la povertà: a due parrocchie il ricavato della raccolta fondi - I proventi consegnati ai parroci di San Giuseppe e Santa Maria Maggiore
CHIUDI [X]
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


29 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 28/10

Lions Club, piccole donazioni contro la povertà: a due parrocchie il ricavato della raccolta fondi

I proventi consegnati ai parroci di San Giuseppe e Santa Maria Maggiore

La prolungata crisi derivante dalla pandemia da coronavirus sta creando i presupposti per un vero allarme sociale ed è per questo che il Multidistretto Lions 108 Italy ha deciso di affiancare le istituzioni nel cercare di dare una qualche risposta concreta alle nuove e vecchie povertà dando vita al progetto "Lavoro, Famiglia, Nuove povertà". Un impegno importante seppure nelle sue numerose difficoltà in quanto la crisi ha investito duramente anche l'articolato sistema del servizio e della solidarietà, ma che si cerca di portare avanti con piccoli e grandi interventi.

Il Lions Club Vasto Adriatica Vittoria Colonna ha inteso dare concretezza a questo impegno con due donazioni ricavate grazie a raccolte fondi realizzate tra i soci del Club nel corso del passato anno sociale. Sono stati proprio l'ex presidente Luigi Marcello ed il presidente Elio Bitritto, dichiarano, a "rimettere le somme nelle mani dei parroci di San Giuseppe, don Gianfranco Travaglini, e Santa Maria Maggiore, don Domenico Spagnoli, perché le impieghino per aiutare persone in difficoltà".

"La cerimonia di consegna - spiegano - è stata l'antipasto alla 'scalata' del campanile della concattedrale di Santa Maria. 200 gradini lungo i quali le puntuali e precise spiegazioni di don Domenico hanno fatto rivivere, ai soci ed agli amici del Club presenti nel rispetto delle normative anti-Covid, la nascita e la crescita della torre campanaria nel corso dei suoi 689 anni, portati più che bene, anche grazie alle cure che nel corso degli anni si sono susseguite con grande competenza.  E dopo la fatica lo splendido dono di una visione panoramica a 360 gradi tra mare, golfo, colline dell'entroterra vastese e molisane, la riserva di Punta d'Erce, il Faro di Punta Penna appena restaurato. E poi, ancora, uno sguardo su tetti, palazzi, chiese, giardini, Palazzo d'Avalos che rappresentano la ricchezza di una città dalle origini antiche".

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi