Lions Club, piccole donazioni contro la povertà: a due parrocchie il ricavato della raccolta fondi - I proventi consegnati ai parroci di San Giuseppe e Santa Maria Maggiore
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


23 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Attualità 28/10

Lions Club, piccole donazioni contro la povertà: a due parrocchie il ricavato della raccolta fondi

I proventi consegnati ai parroci di San Giuseppe e Santa Maria Maggiore

La prolungata crisi derivante dalla pandemia da coronavirus sta creando i presupposti per un vero allarme sociale ed è per questo che il Multidistretto Lions 108 Italy ha deciso di affiancare le istituzioni nel cercare di dare una qualche risposta concreta alle nuove e vecchie povertà dando vita al progetto "Lavoro, Famiglia, Nuove povertà". Un impegno importante seppure nelle sue numerose difficoltà in quanto la crisi ha investito duramente anche l'articolato sistema del servizio e della solidarietà, ma che si cerca di portare avanti con piccoli e grandi interventi.

Il Lions Club Vasto Adriatica Vittoria Colonna ha inteso dare concretezza a questo impegno con due donazioni ricavate grazie a raccolte fondi realizzate tra i soci del Club nel corso del passato anno sociale. Sono stati proprio l'ex presidente Luigi Marcello ed il presidente Elio Bitritto, dichiarano, a "rimettere le somme nelle mani dei parroci di San Giuseppe, don Gianfranco Travaglini, e Santa Maria Maggiore, don Domenico Spagnoli, perché le impieghino per aiutare persone in difficoltà".

"La cerimonia di consegna - spiegano - è stata l'antipasto alla 'scalata' del campanile della concattedrale di Santa Maria. 200 gradini lungo i quali le puntuali e precise spiegazioni di don Domenico hanno fatto rivivere, ai soci ed agli amici del Club presenti nel rispetto delle normative anti-Covid, la nascita e la crescita della torre campanaria nel corso dei suoi 689 anni, portati più che bene, anche grazie alle cure che nel corso degli anni si sono susseguite con grande competenza.  E dopo la fatica lo splendido dono di una visione panoramica a 360 gradi tra mare, golfo, colline dell'entroterra vastese e molisane, la riserva di Punta d'Erce, il Faro di Punta Penna appena restaurato. E poi, ancora, uno sguardo su tetti, palazzi, chiese, giardini, Palazzo d'Avalos che rappresentano la ricchezza di una città dalle origini antiche".

Guarda le foto

di Redazione Zonalocale.it (redazione@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi