Dpcm, commercianti: "La protesta non si ferma: oggi a Vasto". E domani occupazione della piazza - Misure restrittive, dopo la manifestazione di San Salvo la contestazione si allarga
 

Viaggia nel tempo, scopri

com’era Zonalocale il


29 novembre 2020
Clicca per leggere direttamente questa edizione al prossimo accesso
Rimuovi questa edizione come predefinita
Segui Zonalocale suSegui Zonalocale

bar_chartInfografiche Covid-19 Guarda tutte le infografichearrow_right_alt

Vasto   Cronaca 27/10

Dpcm, commercianti: "La protesta non si ferma: oggi a Vasto". E domani occupazione della piazza

Misure restrittive, dopo la manifestazione di San Salvo la contestazione si allarga

La manifestazione di ieri pomeriggio a San Salvo MarinaLa protesta non si ferma. Appena terminata la manifestazione di San Salvo, proprietari di bar, pub, ristoranti e palestre già lanciano un secondo sit-in.

Si danno appuntamento per oggi a Vasto, in piazza Rossetti. L'orario è sempre lo stesso: le 18, l'ora in cui devono abbassare le saracinesche delle loro attività. 

Anche stavolta l'invito a partecipare viaggia principalmente su WhatsApp: "Solo uniti possiamo farcela... Non smettiamo di manifestare i nostri diritti... non continuiamo a farci calpestare la dignità", si legge nel messaggio che circola da ieri sera, "e facciamo sentire anche la voce di una realtà piccola come la nostra". 

La protesta è contro il decreto del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che impone restrizioni per cercare di arginare la seconda ondata di Covid-19. Una misura troppo penalizzante, secondo i commercianti, che non si fermano "e da domani in poi continueremo a protestare pacificamente".

Anche la Fipe-Confcommercio scende in campo: "Mercoledì 28 ottobre alle 11.30 i gestori dei pubblici esercizi occuperanno pacificamente Piazza Rossetti", si legge in una nota. "Un’iniziativa per ricordare il valore economico e sociale del settore e chiedere alla politica un aiuto per non morire Il piatto piange e la musica è finita. Gli ultimi provvedimenti presi da governo e alcune Regioni per il contenimento della seconda ondata di Covid-19 stanno mettendo definitivamente in ginocchio i pubblici esercizi. Non soltanto i ristoranti, svuotati dall’effetto psicologico negativo determinato dall’impennata di nuovi casi, ma anche i bar, i locali di intrattenimento e le imprese di catering e banqueting, impossibilitati a lavorare a causa delle restrizioni sugli orari di apertura e sui partecipanti a eventi e matrimoni".

di Michele D’Annunzio (m.dannunzio@zonalocale.it)

Per l'informazione libera. Sostieni Zonalocale

Anche in questo periodo di emergenza sanitaria, continuiamo a lavorare con passione e coscienza. Lo facciamo garantendo gratuitamente notizie di pubblica utilità a un numero sempre crescente di utenti.

Un lavoro che richiede tempo nel reperire le informazioni, impegno nel raccontare con equilibrio i fatti e attenzione nel verificare le notizie distinguendole dalle fake news che circolano incontrollate.

Un impegno che ha un costo notevole anche in una fase in cui l'economia è in sofferenza. Se pensi che i contenuti che offriamo a tutti siano un utile servizio, puoi diventare nostro sostenitore.


Scegli il contributo e prosegui sulla piattaforma sicura PayPal:

Commenti




 

     
     
     
     
     
     
     

    Chiudi
    Chiudi